Contro la regionalizzazione del sistema di istruzione fima anche tu

Home » Attualità » Istruzione degli adulti » CPIA: pubblicato il decreto che ripartisce le risorse relative alle misure nazionali

CPIA: pubblicato il decreto che ripartisce le risorse relative alle misure nazionali

Un milione di euro in applicazione del decreto ministeriale 721/18

19/02/2019
Decrease text sizeIncrease  text size

Il Decreto Ministeriale 721 del 14 novembre 2018, “Criteri e parametri per l'assegnazione diretta alle istituzioni scolastiche nonché per la determinazione delle misure nazionali relative la missione Istruzione Scolastica, a valere sul Fondo per il funzionamento delle istituzioni scolastiche”, ha destinato un milione di euro ai centri per l’istruzione degli adulti (CPIA).

Ricordiamo che tale decreto è finanziato dalla legge 440/97 nonché da quota parte delle risorse finanziarie destinate alla realizzazione del Piano Programmatico, di cui all’art.1, comma 3, della Legge 28 marzo 2003, n. 53.

In particolare l’art. 4 comma 2 del DM 721/18 prevede che le risorse stanziate siano finalizzate

a) al potenziamento in ciascuna regione dei Centri regionali di ricerca, sperimentazione e sviluppo per l'istruzione degli adulti

b) alla promozione dell'educazione finanziaria per gli adulti, attraverso la prosecuzione delle attività relative al progetto EDUFIN-CPIA, in attuazione della Strategia nazionale per l'educazione finanziaria, assicurativa e previdenziale

c) all'implementazione del riassetto organizzativo e didattico dell'istruzione degli adulti,

In applicazione dell’art. 4 del DM 721/18 la Direzione generale per gli ordinamenti scolastici e la valutazione del sistema nazionale di istruzione ha emanato il Decreto Direttoriale 98 del 7 febbraio 2019, trasmesso con nota 2474 dell’8 febbraio 2018.

Potenziamento in ciascuna regione dei Centri regionali di ricerca, sperimentazione e sviluppo per l'istruzione degli adulti

Per tale azione sono stanziati € 500.000,00. In particolare:

  1. € 250.000,00 sono destinati all'elaborazione di contributi e approfondimenti utili alla definizione degli standard delle reti territoriali per l'apprendimento permanente (RETAP) di cui alla legge 28 giugno 2012, n, 92, come disciplinate con l'accordo in Conferenza Unificata del 10 luglio 2014
  2. € 250.000,00 sono destinati all'elaborazione di contributi e approfondimenti utili alla definizione degli assetti organizzativi e didattici di "percorsi di istruzione integrati", finalizzati a far conseguire, anche in apprendistato, una qualifica e/o un diploma professionale nella prospettiva di un proseguimento nella formazione di livello terziario. Le attività previste devono tener conto delle norme sull’istruzione professionale ed in particolare del D. Lgs. 61/17 e del Decreto interministeriale 17  maggio 2018.

Le risorse sono ripartite a livello regionale e saranno assegnate ai 18 CPIA sedi dei Centri regionali di ricerca, sperimentazione e sviluppo per l'istruzione degli adulti (CPIA-CRRS&S). La ripartizione è in proporzione al  numero di adulti iscritti e frequentanti i percorsi di istruzione nel relativo territorio rispetto al numero di adulti iscritti e frequentanti i percorsi di istruzione nel territorio nazionale, come risultanti dall' Anagrafe nazionale degli studenti

Il Decreto 98/19 ricorda che i CPIA-CRRS&S devono essere

  1. coordinati da un comitato tecnico-scientifico individuato nell'ambito della rete dei CPIA che vede la partecipazione di almeno uno tra i seguenti soggetti:
  • una Università o un Dipartimento Universitario;
  • un centro di ricerca;
  • un Polo tecnico-professionale;
  • un rappresentante dei Tavoli Tecnici, di cui al punto 3.7 delle Linee Guida di cui al DI 12 marzo 2015;
  • un rappresentante USR; 
  1. strutturati secondo un piano di attività di RS&S articolato in fasi, attività, tempi, modalità  e strumenti, in cui vengono indicati, tra l'altro, le modalità di validazione e di diffusione a livello regionale;
  2. dotati di congrue risorse logistiche, strumentali e professionali, ivi comprese quelle dell'organico dell' autonomia;
  3. monitorati dall'USR competente, tenendo conto delle indicazioni condivise con il Gruppo Nazionale PAIDEIA.
Promozione dell'educazione finanziaria per gli adulti attraverso la prosecuzione delle attività relative al progetto EDUFIN-CPIA

Per tale azione sono stanziati € 250.000,00 e sono finalizzate alla promozione dell'educazione finanziaria per gli adulti attraverso la prosecuzione delle attività relative al Progetto EDUFIN-CPIA in attuazione della "Strategia nazionale per l'educazione finanziaria, assicurativa e previdenziale".

Possono essere finanziati non più di due percorsi di alfabetizzazione finanziaria per CPIA. I percorsi devono essere rivolti esclusivamente agli adulti iscritti al secondo periodo didattico del primo livello, compresi gli adulti detenuti presso gli istituti penitenziari e i minori e giovani adulti in carico ai servizi minorili della giustizia.

Le risorse sono destinate ai CPIA aderenti al Progetto EDUFIN-CPIA in proporzione al numero di adulti iscritti e frequentanti i percorsi di istruzione presso ciascun CPIA (unità amministrativa) aderente al progetto rispetto al numero totale di adulti iscritti e frequentanti i percorsi di istruzione presso tutti i CPIA (unità amministrativa) aderenti al progetto.

Le eventuali risorse residue potranno essere utilizzate per realizzare

  1. percorsi di alfabetizzazione finanziaria nell'ambito delle attività di ampliamento dell'offerta formativa destinati agli adulti iscritti, anche negli istituti penitenziari, ad altre tipologie di percorsi di istruzione (percorsi di primo livello-primo periodo didattico e/o percorsi di alfabetizzazione e apprendimento della lingua italiana e/o percorsi di secondo livello), o ai percorsi di istruzione in raccordo con i percorsi di formazione professionale (percorsi dì formazione continua, percorsi di Ifp, percorsi di formazione professionale, ecc ...) finalizzati all'acquisizione di specifiche qualifiche professionali
  2. percorsi di alfabetizzazione finanziaria destinati ai docenti delle scuole di ogni ordine e grado, finalizzati all'acquisizione di conoscenze e competenze spendibili sia a livello professionale che personale e familiare
  3. attività di comunicazione e diffusione del progetto, anche in rete
Implementazione del riassetto educativo e didattico dell'istruzione degli adulti

Per tale azione sono stanziati € 250.000,00. In particolare

  • € 125.000,00 sono destinati alla progettazione e realizzazione di "percorsi di garanzia delle competenze" destinati prioritariamente agli adulti iscritti ai percorsi di istruzione, compresi gli adulti detenuti presso gli istituti penitenziari e i minori e giovani adulti in carico ai Servizi Minorili della Giustizia, finalizzati all'acquisizione delle competenze
    • di base linguistiche e digitali,
    • chiave per l'apprendimento permanente,
    • chiave di cittadinanza,
    • previste dall'Agenda 2030 (pensiero creativo, pensiero critico, ecc.).
  • € 125.000,00 sono destinati a dare piena applicazione nei percorsi di istruzione per gli adulti degli strumenti di flessibilità e, in particolare, della fruizione a distanza e finalizzate, prioritariamente, alla progettazione e realizzazione di unità di apprendimento da fruire a distanza e/o all'attivazione di un'aula AGORA’

Le risorse sono ripartite a livello regionale in proporzione al numero di adulti iscritti e frequentanti i percorsi di istruzione nel relativo territorio rispetto al numero di adulti iscritti e frequentanti i percorsi di istruzione nel territorio nazionale, come risultanti dall' Anagrafe nazionale degli studenti. I CPIA che insistono nella medesima Regione ricevono lo stesso contributo.