Sciopero scuola 30 maggio 2022, cosa chiediamo

Home » Attualità » Europa e Mondo » Appelli alla Consultazione della Commissione europea: “Strategia futura dell’Istituto Europeo di Innovazione e Tecnologia (IET)"

Appelli alla Consultazione della Commissione europea: “Strategia futura dell’Istituto Europeo di Innovazione e Tecnologia (IET)"

CSEE e FLC invitano a partecipare alla consultazione on line, entro il 30 giugno

11/05/2011
Decrease text sizeIncrease  text size

Nel primo numero della circolare del CSEE “Educazione e formazione 2020” di quest’anno vengono date informazioni su:

  •  l’Economia e l’Educazione
  •  la Nuova Politicadell’Unione europea in materia di EFP 
  •  le riunioni del Consiglio dell’Educazione
  •  i Giovani e la cultura 
  •  i Giovani e la mobilità
  •  l’Educazione ad uno sviluppo durevole
  •  i futuri programmi di Apprendimento lungo tutto l’arco della vita 2013-2020 
  •  i rapporti sul Metodo aperto di coordinamento,

 

ed infine sui diversi “Appelli alla consultazione” della Commissione europea .

Una consultazione riguarda la “Strategia futura dell’Istituto Europeo di Innovazione e Tecnologia (IET)", con scadenza 30 giugno 2011.

L’Istituto Europeo di Innovazione e Tecnologia è stato creato allo scopo di migliorare la cooperazione tra le imprese e l’università e la ricerca ma, secondo il CSEE e la FLC CGIL, questo Istituto ignora la libertà accademica delle università e segue i principi del mercato nella gestione delle università.

Inoltre, a causa di questo suo approccio fortemente legato alle imprese, riduce lo spazio della ricerca universitaria e lo orienta verso le scienze naturali e la tecnologia.

Noi sollecitiamo quindi tutti, singoli individui e/o associazioni che sono coinvolti in qualche modo nel merito della questione, imprese, università, docenti, ricercatori, a partecipare alla consultazione rispondendo on line al questionario disponibile, purtroppo solo in inglese, prima del 30 giugno.

Il risultato di questa consultazione avrà logicamente un impatto sulle politiche di Educazione nazionale dei singolo paesi che riguardano l’università e la ricerca. Consigliamo quindi la massima partecipazione.