Inchiesta nazionale sul lavoro promossa dalla CGIL

Home » Attualità » Europa e Mondo » Area europea dell’istruzione e della formazione professionale. I futuri ambiti di lavoro

Area europea dell’istruzione e della formazione professionale. I futuri ambiti di lavoro

Nell’aprile scorso, il Cedefop e la presidenza tedesca hanno organizzato la conferenza “La costruzione dell’area europea dell’istruzione e della formazione professionale” allo scopo di valutare l’attuazione del processo di Copenhagen e di considerare le future azioni da intraprendere.

16/07/2007
Decrease text sizeIncrease  text size

Significativi i progressi finora fatti nell’ambito dell’istruzione e della formazione professionale. A livello europeo, sono state già definite diverse azioni per il suo sviluppo come Europass e la Cornice europea delle qualifiche; altre ancora sono in via di attuazione come il sistema di riconoscimento dei crediti e il Quadro comune europeo per la qualità. Anche a livello nazionale, molti stati membri si sono adoperati al fine di promuovere immagine, qualità e attrattività dell’istruzione e formazione professionale, stabilendo quadri nazionali per le qualifiche e per la qualità, riconoscendo gli apprendimenti non-formali ed informali ed integrando le esperienze di studio e lavoro.

Ciò nonostante, la Conferenza ha sottolineato che, malgrado i progressi fatti, il percorso da compiere è ancora lungo e occorre una maggiore convergenza di tutti i paesi membri sugli obiettivi già definiti a Copenhagen. Per il lavoro futuro sono state identificate le seguenti sei aree prioritarie:

  • Accrescere gli investimenti nelle risorse umane

  • Combinare efficienza ed equità nei sistemi nazionali

  • Fare migliore uso delle potenzialità delle persone

  • Identificare le abilità e competenze richieste dal mercato del lavoro

  • Migliorare il governo dei sistemi di istruzione e di formazione professionale

  • Elaborare e sviluppare priorità realizzabili

Roma, 16 luglio 2007