Contro la regionalizzazione del sistema di istruzione fima anche tu

Home » Attualità » Europa e Mondo » Crisi israelo-palestinese: il 16 luglio fiaccolate di pace per fermare la guerra in Palestina

Crisi israelo-palestinese: il 16 luglio fiaccolate di pace per fermare la guerra in Palestina

La FLC e la CGIL invitano a partecipare e ad organizzare fiaccolate nelle città italiane come proposto dalla Rete della Pace in un appello.

14/07/2014
Decrease text sizeIncrease  text size

Le notizie che giungono da Gaza in queste ore sono drammatiche. I morti sono oltre 170, di cui non meno di 30 bambini; i feriti 1.700 e 500 le case rase al suolo. Una intera popolazione disperata, in preda al panico e senza protezione umanitaria. 

Israele deve fermare immediatamente l'operazione militare e ritornare al tavolo del negoziato.

Chiediamo al nostro governo, oggi alla Presidenza dell'Unione Europea, che si adoperi con tutti gli strumenti della diplomazia e della pressione politica de economica, per fermare questa ennesima ed intollerabile ondata di morti e di violenze.

____________________

Mai più vittime!
Per pace, libertà, giustizia
In Palestina e Israele

Mercoledì 16 luglio 2014 ore 20
Fiaccolate di pace in ogni città italiana

Chiamiamo uomini e donne che credono nella pace e nella difesa nonviolenta a mobilitarsi organizzando e partecipando alla FIACCOLATA per la pace, la libertà, la giustizia in Palestina
e Israele, nella propria città per mercoledì 16 luglio 2014

Ogni morte ci diminuisce, ogni uomo, donna, bambino ucciso pesa sulle nostre coscienze.
Vogliamo vedere i bambini vivere e crescere in pace non maciullati da schegge di piombo.

CHIEDIAMO:

  • che cessino immediatamente il fuoco, le rappresaglie e le vendette di ogni parte,;
  • che la politica e la comunità internazionale assumano un ruolo attivo e di mediazione per la fine dell’occupazione militare israeliana e la colonizzazione del territorio palestinese, per il rispetto dei diritti umani, della sicurezza e del diritto internazionale in tutto il territorio che accoglie i popoli israeliano e palestinese;
  • che il governo italiano si attivi immediatamente affinché il nostro Paese e i Paesi membri dell’Unione Europea interrompano la fornitura di armi, di munizioni, di sistemi militari, come pure ogni accordo di cooperazione militare con Israele;
  • che il nostro governo, oggi alla Presidenza dell’Unione Europea, assuma questi impegni con determinazione e coraggio.

Comitato promotore: Rete della Pace, Rete Italiana per il Disarmo, Sbilanciamoci, Tavolo Interventi Civili di Pace.

Per saperne di più