Contro la regionalizzazione del sistema di istruzione fima anche tu

Home » Attualità » Europa e Mondo » L’universita’ dell’unione europea

L’universita’ dell’unione europea

Unione Europea, Ottobre 2003

30/10/2003
Decrease text sizeIncrease  text size

Unione Europea, Ottobre 2003

L’universita’ dell’unione europea

Se una scuola europea è ancora lontana, l’università europea sembra fare passi da gigante. Con incontri biennali (Bologna nel 1999, Berlino lo scorso anno, Bergen tra due anni) sono ormai 40 i paesi coinvolti nel piano di costruzione dell’università europea. E tutto ciò non potrà non avere riflessi sui cicli scolastici inferiori.

I pilastri del sistema universitario ruotano intorno ad alcuni concetti, strumenti e scadenze chiave: il Supplemento al Titolo (una specie di portfolio uguale in tutto il continente da cui si capisca il percorso di una persona), il Credito Europeo (una misura unica per tutta l’Europa in cui ogni anno di corso varrà 60 crediti calcolati in base a ore di lezione, lavori e tempo di studio individuale), due livelli di laurea o, se si preferisce, una Laurea e un Postlauream ( nel quale saranno compresi anche master ufficiali e il dottorato). Interessante è però capire come i vari paesi si vanno conformando a ciò.

In Germania solo 1.600 su circa 15.000 percorsi universitari sono stati riformati e sono frequentati da circa il 3% degli universitari: adottando il lessico britannico si prevede un bachelor e un master che sulla base degli eurocrediti dovrebbero corrispondere a 180 e 300. Ma anche su questa valutazione solo una parte delle università tedesche si sono conformate, e spesso con variazioni in merito a quantità orarie e carichi di studio.

In Francia di 88 università, 3 hanno già adottato il sistema dei crediti, ma quest’anno saliranno a 18 e nel 2006 tutte le università dovrebbero aver adottato il nuovo sistema. Sono previsti tre livelli: il primo di tre anni, il secondo di cinque e il terzo, il dottorato, di otto. Oggi la Francia ha già un sistema predisposto formato da un diploma generale di 2 anni, una licence di due o tre e una maitrise di uno, indispensabile per alcune professioni. Qui si innesta il dottorato che può essere di 2 o 4 anni. Ma resteranno ai margini di questo processo le Grandi Scuole o le Scuole Superiori, che da oltre un secolo costituiscono il vanto della cultura francese e che hanno percorsi selettivi e particolari.

Il Regno Unito non ha particolari problemi ad adattarsi allo spirito di Bologna. D’altra parte il concetto di credito scolastico è praticamente nato qui, dove non importa il numero di anni che si dedicano a studiare, quanto i risultati. E per di più prevede già una “scheda del progresso” dello studente che assomiglia tanto al Supplemento del Titolo. Unico neo dei britannici: non vogliono un sistema di valutazione europeo, per non rinunciare al proprio.

Anche i Paesi Bassi hanno un Bachelor of Arts di tre anni seguito da un Master of Arts di un anno. Da qui può partire un dottorato. Qui il processo si considera avviato nelle 14 università statali dove le lezioni sono ormai impartite solo in inglese. Nel 2004 si riformeranno le facoltà scientifiche, nel 2005 quelle umanistiche.

Infine la Spagna presenta non pochi problemi a causa di percorsi differenti ( licenciaturas e diplomaturas, a volte di tre a volte di quattro anni) che danno il medesimo sbocco. Deciso che questa doppiezza di percorsi va abolita, il problema che rimane è quello di riferirsi ad un cumulo di crediti che è o troppo basso o troppo alto.

30 ottobre 2003