Contro la regionalizzazione del sistema di istruzione fima anche tu

Home » Attualità » Europa e Mondo » Militari in congedo nelle scuole scozzesi.

Militari in congedo nelle scuole scozzesi.

Regno Unito, Luglio 2001

13/07/2001
Decrease text sizeIncrease  text size

Luglio

Militari in congedo nelle scuole scozzesi. La Scozia lancia un programma pilota per fare fronte all’assenteismo degli alunni. Tre istruttori militari in pensione lavoreranno per due anni con 80 alunni di quattro scuole del New Lanarkshire. Il modello è ripreso da un’esperienza americana che ha già avuto un qualche successo. Gli obiettivi sono migliorare la presenza ai corsi, ridurre la delinquenza, ottenere un migliore tasso di successo scolastico, valorizzare le qualità professionali. E’ richiesto il consenso dei genitori. A disposizione del progetto saranno messi 274.000 euro in due anni.

Penuria di insegnanti. In aprile i due principlai sindacati della scuola britannica hanno protestato contro la penuria di insegnanti. Hanno lanciato un appello ai loro iscritti perché di rimpiazzare i colleghi in malattia per più di tre giorni o le assenze di lunga durata. Il governo ed i gestori dovranno aprire negoziati.

Congedo di formazione. I salariati britannici dovranno avere diritto ad un congedo di formazione retribuito per migliorare le loro competenze. 56 deputati e alcuni sindacati hanno lanciato una campagna per imporre questo diritto. Domandano al governo inglese di applicare l’articolo 15 delle leggi sociali europee e di prevedere un piano per un diritto minimo dei salariati alla formazione.

Per sostenere la rivendicazione essi citano il caso di 14 paesi tra cui la Francia, i Paesi Bassi e la Spagna, che hanno messo in atto dispositivi che prevedono congedi di formazione retribuiti.