Elezioni RSU 2022, candidati con la FLC CGIL

Home » Attualità » FIOM: 11 febbraio, la FLC CGIL condivide gli obiettivi della mobilitazione

FIOM: 11 febbraio, la FLC CGIL condivide gli obiettivi della mobilitazione

Invitiamo tutte le lavoratrici e i lavoratori della conoscenza a partecipare alla manifestazione nazionale della FIOM CGIL per il lavoro, per la democrazia e per la difesa del contratto nazionale.

02/02/2012
Decrease text sizeIncrease  text size

Nessuna persona deve essere messa di fronte al ricatto, come successo alla Fiat, della rinuncia ai diritti per conservare il lavoro. Vogliamo difendere l'art.18 perché è una norma di civiltà. Non possiamo accettare di condannare i giovani alla disoccupazione e alla precarietà a vita.

Nei settori pubblici il blocco dei contratti nazionali, degli scatti d'anzianità e la limitazione della contrattazione decentrata sono un attacco alle condizioni dei lavoratori a fronte di una gigantesca questione salariale che esplode drammaticamente a fronte dell'aumento dell'inflazione e della pressione fiscale.

La crisi economica e sociale, che sta devastando l'intera Europa, segna il fallimento delle politiche neoliberiste. Non è accettabile riproporre quel modello attraverso ulteriori tagli alla spesa sociale, riduzione dei salari, progressivo indebolimento delle tutele dei lavoratori e la regressione della democrazia. Si scaricano i costi della crisi unicamente sulle nuove generazioni, sui lavoratori e sui pensionati.
Le politiche del Governo Monti non hanno finora avuto sufficienti segnali in direzione dell'equità e ancor meno della crescita. I drammatici dati sulla disoccupazione e sulla precarietà confermano che le politiche di austerità producono solo danni. Gli interventi pesantissimi sulle pensioni sono inaccettabili e spianano la strada alla privatizzazione del sistema pensionistico.

Si deve uscire dalla crisi con un diverso modello di sviluppo che garantisca piena e buona occupazione, piena cittadinanza alle nuove generazioni, la redistribuzione della ricchezza e la sostenibilità economica e ambientale. Bisogna rivendicare la legittimazione democratica di chi è chiamato a operare le scelte come motore di un'altra idea di Europa.
L'investimento in conoscenza pubblica significa favorire un elevato grado di coesione sociale e una idea di sviluppo basato su fattori qualitativi. Non vediamo discontinuità rispetto alle scelte devastanti del Governo Berlusconi sul versante sociale e sui settori della conoscenza pubblica. Per questa ragioni si apre una ulteriore fase di mobilitazione.