Iscriviti alla FLC CGIL

Home » Attualità » Fondi europei 2014–2020 » Piano Nazionale Scuola Digitale: emanati altri due avvisi

Piano Nazionale Scuola Digitale: emanati altri due avvisi

Potenziamento delle competenze digitali e di cittadinanza degli studenti scadenza: 15 novembre 2019. Individuazione di una o più scuole per iniziative di diffusione dell’innovazione didattica e digitale: scadenza 6 novembre 2019.

31/10/2019
Decrease text sizeIncrease  text size

Sono stati pubblicati due nuovi avvisi rivolti alle istituzioni scolastiche nell’ambito del Piano Nazionale Scuola Digitale. Con nota 31518 del 29 ottobre 2019 del Direttore Generale per gli interventi in materia di edilizia scolastica, per la gestione dei fondi strutturali per l’istruzione e per l’innovazione digitale è stato emanato l’avviso per la raccolta di proposte progettuali per la realizzazione di azioni per il potenziamento delle competenze digitali e di cittadinanza degli studenti attraverso metodologie didattiche innovative. Con nota 31468 del 29 ottobre 2019 è stato emanato un avviso per l’individuazione di una o più istituzioni scolastiche di riferimento a livello nazionale per la realizzazione di iniziative di diffusione dell’innovazione didattica e digitale nell’ambito del PNSD

Avviso relativo al potenziamento delle competenze digitali e di cittadinanza degli studenti

L’avviso 31518/19 intende raccogliere proposte formative che prevedono il coordinamento e la gestione di progetti didattici e laboratoriali sia di rilevanza nazionale che nazionale e internazionale. Tali progetti devono:

  • essere finalizzati a potenziare le competenze di cittadinanza digitale strettamente connesse agli obiettivi di sviluppo sostenibile dell’Agenda ONU 2030 in coerenza con l’azione #15 (Scenari innovativi per lo sviluppo di competenze digitali applicate) del PNSD
  • promuovere approcci innovativi di orientamento alle professioni digitali del futuro in coerenza con l’azione #21 del PNSD sulle carriere digitali.

Requisiti di ammissione

  • Le proposte devono pervenire da parte delle istituzioni scolastiche ed educative statali appartenenti al secondo ciclo di istruzione anche in rete fra loro.
  • Le istituzioni scolastiche del primo ciclo di istruzione, gli istituti omnicomprensivi e i centri provinciali per l’istruzione degli adulti possono partecipare esclusivamente in rete in qualità di partner.
  • Ogni istituzione scolastica può concorrere per un solo progetto, pena l’esclusione.
  • I progetti di rilevanza regionale devono prevedere una rete di almeno 3 scuole, compresa la capofila, e garantire una copertura regionale.
  • I progetti di rilevanza nazionale devono indicare le modalità di coinvolgimento delle istituzioni scolastiche di altre regioni ed eventualmente delle scuole di altri Paesi, al fine di garantire la copertura del progetto a livello nazionale e/o internazionale.
  • È ammesso il coinvolgimento nel progetto di enti pubblici, università, centri di ricerca e organizzazioni senza scopo di lucro individuati.

Tipologia di interventi ammissibili

Le proposte formative devono

  • essere progettate e realizzate con l’utilizzo di metodologie didattiche innovative e delle nuove tecnologie
  • prevedere il coinvolgimento attivo di altre scuole, enti pubblici, università, centri di ricerca e organizzazioni senza scopo di lucro finalizzati a stabilire partenariati strategici per la promozione di percorsi didattico-educativi sugli obiettivi di sviluppo sostenibile
  • declinare l’attuazione di uno o più degli obiettivi dell’Agenda 2030 con soluzioni innovative, a partire dal contesto scolastico
  • prevedere attività innovative mirate all’orientamento degli studenti verso le professioni del futuro legate allo sviluppo sostenibile e dalle nuove tecnologie.

Modalità di presentazione delle proposte progettuali

Le istituzioni che intendono presentare la propria proposta progettuale devono inoltrarla a partire entro e non oltre le ore 15.00 del giorno 15 novembre 2019, compilando l’apposita istanza on line tramite l’applicativo “Protocolli in rete” disponibile su SIDI – Area Servizi Accessori.

Risorse

Il contributo massimo attribuibile dal Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca a ciascuna rete per la realizzazione di proposte progettuali di rilevanza regionale è pari ad euro 80.000,00.
Potrà essere finanziato al massimo un progetto per ciascuna regione.

Spese ammissibili

Sono ammissibili le seguenti voci di costo:

  • spese di personale connesse alle attività (spese per docenti ed esperti)
  • materiali e beni di consumo
  • spese per l’organizzazione delle attività
  • spese di coordinamento e gestione amministrativa (max 10% del totale del contributo assegnato ed effettivamente rendicontato).

Individuazione del personale interno o esterno

Ogni soggetto, sia interno che esterno alla scuola, percettore di un compenso o qualsivoglia corrispettivo, deve essere selezionato attraverso una adeguata procedura pubblica.

Selezione delle proposte progettuali

La selezione e la valutazione delle proposte progettuali è effettuata da una apposita Commissione giudicatrice, nominata dopo la scadenza del termine per la presentazione delle istanze.
La valutazione delle proposte progettuali pervenute avviene sulla base dei seguenti criteri:

Criterio

Punteggio max

qualità dell’idea progettuale, delle finalità, dei contenuti proposti, delle attività

30

innovatività delle metodologie didattiche proposte e capacità di impatto sulle competenze digitali degli studenti

20

rilevanza e significatività del coinvolgimento della rete di scuole a livello regionale o nazionale/internazionale e di altri soggetti partner a livello regionale o nazionale e internazionale

20

esperienza maturata nell’organizzazione di percorsi sul potenziamento delle competenze degli studenti con l’utilizzo di metodologie didattiche innovative, in particolare a livello nazionale e internazionale e sostenibilità tecnica, gestionale e finanziaria

30

Graduatorie

La Commissione procederà a redigere un elenco, distinto fra scuole proponenti progetti di ambito regionale per ciascuna regione e scuole proponenti progetti nazionali/internazionali, in ordine decrescente di punteggio, e a trasmetterlo per l’approvazione all’Amministrazione.
Saranno ammissibili le proposte che otterranno un punteggio complessivo superiore a 70 punti.

Erogazione dei contributi

Gli importi sono corrisposti con le seguenti modalità:

  • 50% dell’importo dovuto, a titolo di acconto
  • il restante 50% sarà erogato a saldo, previa rendicontazione delle spese sostenute e di una relazione dettagliata sulla base di un format che sarà successivamente fornito.

Le indicazioni della FLC CGIL

Invitiamo le scuole del I ciclo e del II ciclo interessate all’avviso, di procedere fin da subito con un forte e coinvolgimento e condivisione di tutta la comunità scolastica. È necessario prevedere specifiche delibere degli organi collegiali. Il mancato riferimento a questo passaggio appare foriero di inevitabili e inutili conflittualità.

È necessario stabilire immediatamente criteri e procedure per l’individuazione del personale interno ed esterno da retribuire.

Come al solito non vi sono specifiche indicazioni sul rapporto tra questo avviso nazionale e le azioni del PON “Per la scuola”.

Realizzazione di iniziative di diffusione dell’innovazione didattica e digitale

Con l’avviso 31468/19 il MIUR intende individuare una o più istituzioni scolastiche di riferimento per il coordinamento e la realizzazione di attività di diffusione dell’innovazione didattica e digitale nell’ambito del Piano nazionale per la scuola digitale.
Le attività di diffusione dell’innovazione digitale da parte delle istituzioni scolastiche partecipanti all’avviso pubblico dovranno:

  • avere una valenza interregionale e nazionale
  • essere organizzate in città e in luoghi significativi
  • avere una forte valenza innovativa con espliciti riferimenti a temi particolarmente sentiti a livello globale e locale
  • essere capaci di produrre un impatto significativo rispetto alle giovani generazioni e di tracciare linee di intervento per lo sviluppo locale.

Possono partecipare alla selezione pubblica le istituzioni scolastiche ed educative statali del secondo ciclo di istruzione, anche in rete fra loro.
Le istituzioni scolastiche che intendono candidarsi devono presentare la proposta progettuale , entro e non oltre le ore 15.00 del giorno 6 novembre 2019, all’indirizzo PEC: dgefid@postacert.istruzione.it.
La proposta progettuale, firmata digitalmente dal dirigente scolastico, deve contenere:

  • la descrizione completa dei contenuti e del modello organizzativo delle attività che si intendono proporre
  • l’indicazione dell’eventuale rete di scuole e di eventuali altri soggetti istituzionali che si intende coinvolgere
  • la descrizione dettagliata delle esperienze già maturate nella gestione di iniziative analoghe nell’ultimo triennio;
  • una stima orientativa dei costi delle attività proposte.

La selezione e la valutazione delle proposte progettuali è effettuata da una apposita Commissione giudicatrice, nominata dopo la scadenza del termine per la presentazione delle istanze.
Le istituzioni scolastiche selezionate dovranno presentare, prima dell’inizio delle attività, il piano dettagliato delle azioni per ciascuna iniziativa, previa intesa con la Direzione generale per interventi in materia di edilizia scolastica, per la gestione dei fondi strutturali per l’istruzione e per l’innovazione digitale.