Iscriviti alla FLC CGIL

Home » Attualità » Formazione lavoro » IFTS ITS PON » ITS: fino al 3 dicembre 2021 le istanze per le agevolazioni per la infrastrutturazione di sedi e laboratori coerenti con i processi di innovazione tecnologica 4.0

ITS: fino al 3 dicembre 2021 le istanze per le agevolazioni per la infrastrutturazione di sedi e laboratori coerenti con i processi di innovazione tecnologica 4.0

Emanato uno specifico decreto MISE - MI.

12/11/2021
Decrease text sizeIncrease  text size

Come è noto la legge di bilancio 2020 (legge 160/19) ha stanziato per il 2020, 15 milioni di euro destinati agli istituti tecnici superiori per la infrastrutturazione di sedi e laboratori coerenti con i processi di innovazione tecnologica 4.0. Ogni intervento deve prevedere investimenti in conto capitale non inferiori a euro 400.000. La stessa legge prevedeva che le risorse sarebbero state ripartite con decreto del Ministero dello sviluppo economico, di concerto con il Ministero dell'istruzione, dell'università e della ricerca, previa intesa in sede di Conferenza unificata.

Successivamente durante l’iter di approvazione del decreto legge 44/21 è stato inserito un articolo ex novo, l’art. 11-bis, concernente la “Definizione dei soggetti ammessi alle agevolazioni di cui all'articolo 1, comma 412, della legge 27 dicembre 2019, n. 160”. Qui il testo del Decreto-legge 1° aprile 2021, n. 44 coordinato con la legge di conversione 28 maggio 2021 n. 76 recante: «Misure urgenti per il contenimento dell'epidemia da COVID-19, in materia di vaccinazioni anti SARS-CoV-2, di giustizia e di concorsi pubblici.

Con decreto del ministero dello sviluppo economico del 18 dicembre 2020, sono state definite le finalità e l’ambito di intervento, le spese ammissibili, le modalità di presentazione delle domande di agevolazione, le modalità di erogazione del contributo e il sistema dei controlli, i casi di revoca delle agevolazioni, i requisiti di ammissibilità degli ITS il cui possesso era necessario per poter presentare istanza di contributo.

L’articolo 4 di tale decreto prevede la concessione di un'agevolazione nella forma di contributo diretto alla spesa, nel limite delle risorse finanziarie disponibili. L'agevolazione è concessa nella misura del 50 per cento delle spese ammissibili.

L’art. 6 stabiliva che i contenuti del modello di domanda, le modalità e i termini, iniziale e finale, di presentazione dell’istanza di accesso all’agevolazione, le modalità di concessione del contributo e gli schemi specifici per la presentazione delle richieste di erogazione e la gestione delle stesse, sarebbero stati definiti con successivo provvedimento a firma congiunta del direttore generale per la per la politica industriale, l'innovazione e le PMI del Ministero dello sviluppo economico e del direttore generale per gli ordinamenti scolastici e la valutazione del sistema nazionale di istruzione del Ministero dell'istruzione.

Il provvedimento è stato adottato con decreto interdirettoriale 2087 dell’8 novembre 2021.

Le istanze di accesso all’agevolazione che devono riportare l’elenco e la quantificazione complessiva delle spese ammissibili, devono essere presentate dall’8 novembre 2021 al 3 dicembre 2021, esclusivamente via PEC all’indirizzo itslabs@pec.mise.gov.it, debitamente datate e sottoscritte con firma digitale.

La domanda per il riconoscimento del contributo deve contenere le seguenti informazioni

  • nome e cognome del Rappresentante legale della fondazione richiedente l’accesso all’agevolazione
  • il codice fiscale del Rappresentante legale della fondazione richiedente il contributo
  • la sede legale della fondazione I.T.S.
  • i riferimenti di contatto della fondazione I.T.S.
  • una serie di dichiarazioni del Rappresentante legale

La domanda deve essere trasmessa completa dei seguenti allegati

  • allegato A) Dati generali I.T.S. proponente
  • allegato B) Relazione sul progetto
  • allegato C) Previsione costi di progetto.

Successivamente il MISE effettuerà i dovuti controlli sulle informazioni contenute nella domanda e, in caso di correttezza dei dati forniti, comunicherà il riconoscimento del contributo o lo scarto dell’istanza evidenziandone i motivi di rigetto.

Infine, con provvedimento a firma congiunta del Direttore generale per la politica industriale, l’innovazione e le PMI del MiSE e del Direttore generale per gli ordinamenti scolastici, la valutazione e l’internazionalizzazione del sistema nazionale di istruzione del MI, sarà determinato l’importo delle spese ammissibili e del contributo concedibile per ciascun I.T.S. beneficiario.