Iscriviti alla FLC CGIL

Home » Attualità » Il Governo chiede la delega per riformare gli organi collegiali. Senza criteri, senza confronto

Il Governo chiede la delega per riformare gli organi collegiali. Senza criteri, senza confronto

È il cosiddetto ddl per la semplificazione e la codificazione in materia di istruzione. Previsto anche il riordino dell’attività sportiva studentesca.

12/07/2019
Decrease text sizeIncrease  text size

Il 18 giugno 2019 il Governo ha inviato alla Conferenza unificata il testo di disegno di legge delega per la semplificazione e la codificazione in materia di istruzione, università, ricerca e Afam.

Si tratta di due articoli. Il primo riduce accorpa e sopprime organismi per realizzare risparmi, il secondo si propone di promuovere e rafforzare l’attività sportiva nelle scuole.

Il tutto senza “nuovi e maggiori oneri per la finanza pubblica”.

Risalta la confusione con cui si trattano argomenti assai delicati e soprattutto l’indeterminatezza del testo sugli organi collegiali scolastici. Si pretende di riformarli senza dibattito, senza confronto al solo fine di risparmiare. Un approccio sbagliato e pericoloso che va contrastato senza riserve.

La FLC CGIL ha esaminato il testo e ne fa un primo commento.