Contro la regionalizzazione del sistema di istruzione fima anche tu

Home » Attualità » Inaugurazione anno scolastico: l'augurio di Mattarella agli studenti

Inaugurazione anno scolastico: l'augurio di Mattarella agli studenti

Un ringraziamento al personale della scuola, "senza il quale non sarebbe possibile immaginare un salto in avanti".

28/09/2015
Decrease text sizeIncrease  text size

In occasione della cerimonia di inaugurazione del nuovo anno scolastico che si è tenuta oggi 28 settembre a Ponticelli, Napoli, nel suo messaggio di augurio agli studenti il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha voluto innanzitutto ringraziare "gli insegnanti" e tutto il personale della scuola.

"Permettetemi di ringraziare i vostri insegnanti - ha infatti esordito il Capo dello Stato - e il personale che lavora accanto a loro negli istituti di ogni ordine e grado. Vi sono state difficoltà in questi anni, lo so bene. Proprio per questo voglio dirvi: grazie!". Lavoratori che hanno dovuto affrontare la crisi economica, una crisi che ha penalizzato più che mai il mondo della scuola, accentuando le condizioni di precarietà, mettendo a dura prova il loro mestiere. "Oggi senza di voi non sarebbe possibile immaginare un salto in avanti".

E non a caso questa importante cerimonia si è svolta proprio lì, in un istituto scolastico di Ponticelli, quartiere napoletano attanagliato nella morsa della camorra e del disagio sociale. Il Capo dello Stato non si è fatto sfuggire l'occasione di rivolgere ai ragazzi un ulteriore invito: quello ad andare a scuola, a non fuggire. "Sono voluto venire qui a Ponticelli, a Napoli, per dire che dobbiamo avanzare insieme. Perchè la scuola è strumento di crescita personale e collettiva. Se non fosse questo, al scuola fallirebbe. Una penna, un libro possono cambiare il mondo. La camorra e le mafie possono essere sconfitte. la camorra e la mafia saranno sconfitte. e voi giovani di Napoli sarete alla testa di questa storica vittoria".