Contro la regionalizzazione del sistema di istruzione fima anche tu

Home » Attualità » Politica e società » 18 marzo 2006: una giornata per la pace

18 marzo 2006: una giornata per la pace

NO alla guerra, al terrorismo, alla violenza. Diritto alla sicurezza per Israele, diritto ad avere uno Stato per il popolo palestinese

24/02/2006
Decrease text sizeIncrease  text size

Pubblichiamo il comunicato della Segreteria nazionale della CGIL sulla manifestazione per la pace indetta dal movimento pacifista statunitense e rilanciata dai Forum mondiali ed europei per il 18 marzo.

Roma, 6 marzo 2006
___________________

COMUNICATO

Manifestazione per la pace del 18 marzo

Comunicato stampa della Segreteria nazionale CGIL

Di fronte all’inasprirsi dei fondamentalismi, all’acuirsi del rischio incombente ed evocato di scontro di civiltà, alle minacce nucleari in più parti del mondo, alla guerra che continua nell’Iraq alle soglie della guerra civile, all’assenza di soluzioni per il conflitto israelo-palestinese che evidenzia il fallimento della comunità internazionale, alla fragilità evidente di tutti gli organismi sovranazionali multilaterali, alla crisi dell’Europa, la Segreteria della CGIL riconferma la pace come unica strategia razionale di sopravvivenza in un mondo globale e interdipendente e il ripudio della guerra, del terrorismo e della violenza come condizione per realizzare sviluppo sostenibile, a livello nazionale, europeo e globale.

A tal fine è decisivo che il movimento per la pace che ha segnato questi anni non rimanga silente.

Per questa ragione la CGIL ritiene importante la giornata di mobilitazione per la pace indetta dal movimento pacifista statunitense e poi rilanciata dai Forum mondiali ed europei per il 18 marzo, una giornata che dovrà avere come parola d’ordine il NO alla guerra, al terrorismo, alla violenza, il diritto alla sicurezza per Israele, il diritto ad avere uno Stato per il popolo palestinese.

La Segreteria Nazionale CGIL

Roma, 24 febbraio 2006