Testo CCNL Istruzione e Ricerca

Home » Attualità » Politica e società » La Finanziaria 2003 e la scuola (2)

La Finanziaria 2003 e la scuola (2)

Le misure di razionalizzazione della spesa sulla scuola della finanziaria 2003 sono quelle previste dall’art.22 del D.d.L. presentato dal Governo.

04/10/2002
Decrease text sizeIncrease  text size

Le misure di razionalizzazione della spesa sulla scuola della finanziaria 2003 sono quelle previste dall’art.22 del D.d.L. presentato dal Governo.

Ne riportiamo una sintesi con l’incidenza dei risparmi attuati, le ricadute sul personale e sugli organici riprese dalla scheda tecnica allegata. Risultano evidenti l’invadenza della sfera contrattuale, del rapporto di lavoro e l’attacco alla qualità della scuola pubblica delle norme adottate.

Personale docente:

comma. 1

  • sono ricondotte a 18 ore settimanali d’insegnamento tutte le cattedre con orario inferiore a quello obbligatorio.

comma 4

  • viene disciplinata ex novo la normativa che riguarda il collocamento fuori ruolo del personale; il personale docente attualmente inidoneo viene mantenuto in servizio per 5 anni entro i quali ha la possibilità di passare ad altra amministrazione tramite la mobilità intercompartimentale;

comma 6

  • sono ridotti i posti di sostegno previsti in deroga agli organici stabiliti. E’ istituito un tetto massimo che sarà definito con un apposito decreto ministeriale.

Le misure adottate insieme a quelle previste dal decreto legge n°212 del 25/9/2002 (l’obbligo della riconversione professionale per i docenti soprannumerari e l’interpretazione autentica dell’art. 3, comma 1, della L.333/2001 che ha comportato la riduzione delle classi) sono finalizzate al conseguimento dell’economie previste dalla finanziaria 2002.

All’applicazione dell’art. 22 della legge 448/2001 consegue una riduzione di posti di personale docente pari a 33.847 unità per il triennio 2003/05.

Personale ATA

Gl’interventi riguardano i commi 2,3 e 4 prevedendo un taglio di 5.700 posti per il 2003, di 8.900 posti per l’anno 2004 e di 12.100 posti a decorrere dall’anno 2005.

Parte delle economie saranno destinate, a partire dall’anno 2004 all’incremento delle risorse per il trattamento accessorio del personale ATA.

comma 2

  • l’organico del personale ausiliario è ridotto del 6% nel triennio 2003/05 ( 2% per ogni anno) sulla base di parametri e criteri da definire con apposito decreto ministeriale;

  • l’organico di riferimento 2002/03 è individuato in 160.000 addetti per un onere per addetto pari a € 19.300

Economie lorde

In milioni di euro

Anno scolastico 2003/04

Anno scolastico 2004/05

Anno scolastico 2005/06

61,8

123,6

185,4

Economie lorde

In milioni di euro

Anno 2003

Anno 2004

Anno 2005

Anno 2006

20,6

82,4

144,2

185,4

comma 3

  • il personale utilizzato nei distretti (Assistenti e D.s.g.a.) è restituito ai compiti d’istituto dal 2003/04 con conseguente risparmio per la cessazione delle sostituzioni nelle scuole;

  • le unità di personale impegnate sono circa 700 delle quali 130 Dsga e 570 Assistenti amministrativi

  • l’onere per addetto è di 26.000 per i Dsga e di 21.500 per gli A.A.;

Economie lorde

In milioni di euro

Anno scolastico 2003/04

Anno scolastico 2004/05

Anno scolastico 2005/06

13

13

13

Economie lorde

In milioni di euro

Anno 2003

Anno 2004

Anno 2005

5,2

13

13

comma 5

E’ ridotta la consistenza del personale docente e ATA collocato fuori ruolo per inidoneità permanente derivante da motivi di salute e utilizzato in altri compiti. La norma produce effetti sul personale ATA che viene fatto cessare dal collocamento fuori ruolo.

Unità di personale coinvolte 1.800 ( in prevalenza Coll. Scol.)

Economie lorde

In milioni di euro

Anno scolastico 2003/04

Anno scolastico 2004/05

Anno scolastico 2005/06

34,7

34,7

34,7

Economie lorde

In milioni di euro

Anno 2003

Anno 2004

Anno 1005

11,6

34,7

34,7

comma 7

le economie derivanti dall’applicazione dei commi 2,3 5 pari a 39 milioni di euro per l’anno 2004, 58 milioni di euro per l’anno 2005 e 70 milioni di euro a decorrere dal 2006 sono destinate ad incrementare le risorse per il trattamento accessorio del personale ATA.

Riepilogo delle economie lorde

In milioni di euro

Economie

2003

2004

2005

2006

Comma 2

20,6

82,4

144,2

185,4

Comma 3

5,2

13

13

13

Comma 5

11,6

34,7

34,7

34,7

Tot. parziale

37,4

130,1

191,9

233,1

Comma 7

Risparmi da destinare al personale ATA

-

(39)*

(58)*

(70)*

Economie nette

(risparmi destinati al miglioramento dei saldi di finanza pubblica)

37,4

91,1

133,9

163,1

Nota: (*) gli importi sono a detrazione

Roma, 4 ottobre 2002