Testo CCNL Istruzione e Ricerca

Home » Attualità » Sea Watch: CGIL, vicini a comandante e ai 42 migranti a bordo

Sea Watch: CGIL, vicini a comandante e ai 42 migranti a bordo

È il momento di agire per una resistenza attiva contro una deriva razzista alla quale non vogliamo abbandonarci. Così la Confederazione in una nota.

26/06/2019
Decrease text sizeIncrease  text size

Da www.cgil.it

“La Cgil è con la Sea Watch, con il suo comandante Carola Rackete e con i 42 migranti a bordo che stremati e bisognosi di assistenza, dopo quattordici giorni di navigazione, cercano in Italia, a Lampedusa, un porto sicuro”. È quanto si legge in una nota della Confederazione.

“Siamo con loro perché – prosegue la nota – è insopportabile questo braccio di ferro che sacrifica vite alle logiche elettorali, politiche, economiche e finanziarie. Siamo con loro perché il divieto di assicurare la salvezza è frutto di una legge sbagliata, disumana e senza scrupoli. Riteniamo che l’obbligo di salvare vite debba valere sempre e comunque per tutti”. “Per questo crediamo – conclude la Cgil – che non sia il momento di restare in silenzio, anzi di agire per una resistenza attiva contro una deriva razzista alla quale non vogliamo abbandonarci”.