Elezioni RSU 2022, candidati con la FLC CGIL

Home » Comunicati stampa » Comunicato unitario » CNR: Landini e Sinopoli, bene stabilizzazione 328 ricercatori e tecnologi precari

CNR: Landini e Sinopoli, bene stabilizzazione 328 ricercatori e tecnologi precari

Un risultato frutto di una grande battaglia unitaria delle organizzazioni sindacali di Cgil, Cisl e Uil insieme al movimento dei precari uniti del CNR e a tutto il personale dell’ente.

30/11/2021
Decrease text sizeIncrease  text size

Roma, 30 novembre - “Il via libera di oggi del consiglio di amministrazione del Consiglio Nazionale delle Ricerche alla stabilizzazione di altri 328 ricercatori e tecnologi è una buona notizia. Finalmente i precari del Cnr, in lotta da mesi per vedersi riconosciuto il diritto alla stabilizzazione, sono stati assunti”. Lo affermano i segretari generali della Cgil, Maurizio Landini e della Flc Cgil, Francesco Sinopoli.

“Questo risultato - proseguono - è il frutto di una grande battaglia unitaria delle organizzazioni sindacali di Cgil, Cisl e Uil insieme al movimento dei precari uniti del Cnr. E di una grande mobilitazione che ha coinvolto non solo i precari ma tutte le lavoratrici e i lavoratori dell’ente”.

“La lotta contro il precariato nella ricerca - aggiungono Landini e Sinopoli - è una lotta per la ricerca pubblica e per il Paese. Questa vertenza è un esempio di come le cose possono cambiare grazie al protagonismo dei lavoratori. E si inquadra perfettamente nelle rivendicazioni più generali portate avanti unitariamente dalla Cgil, Cisl e Uil: Il futuro e il rilancio del Paese non possono prescindere dalla creazione di lavoro stabile”.

“Ora l’impegno è di difendere l’autonomia del Cnr e il suo ruolo centrale per definire un nuovo modello di sviluppo”, concludono Landini e Sinopoli.

Altre notizie da: