Iscriviti alla FLC CGIL

Home » Comunicati stampa » Comunicati FLC CGIL » Chiamata diretta: è già discriminazione. Il Parlamento intervenga subito

Chiamata diretta: è già discriminazione. Il Parlamento intervenga subito

Comunicato stampa di Domenico Pantaleo, Segretario generale della Federazione Lavoratori della Conoscenza CGIL.

12/08/2016
Decrease text sizeIncrease  text size

Com’era prevedibile la chiamata diretta dei docenti dagli ambiti alle scuole sta determinando numerosi casi di discriminazioni e umiliazione, in particolare nelle donne. La chiamata diretta non solo calpesta la costituzione perché cancella la libertà di insegnamento, ma anche perché mette in discussione diritti sociali e civili fondamentali.

Il Parlamento intervenga immediatamente per evitare che le scuole si trasformino in aziende, con un mercato senza regole, eliminando libertà e democrazia.