Contro la regionalizzazione del sistema di istruzione fima anche tu

Home » Comunicati stampa » Comunicati FLC CGIL » DDL scuola: Pantaleo, inutile l’incontro tra la ministra Giannini e i sindacati

DDL scuola: Pantaleo, inutile l’incontro tra la ministra Giannini e i sindacati

Dichiarazione di Domenico Pantaleo, Segretario generale della Federazione Lavoratori della Conoscenza CGIL.

25/05/2015
Decrease text sizeIncrease  text size

“La Ministra Giannini nell’incontro con le organizzazioni sindacali non ha assunto alcun impegno concreto per cambiare radicalmente il disegno di legge sulla scuola. Il Governo, nonostante cresca il dissenso su un provvedimento che peggiora la qualità della scuola pubblica, non risolve il problema del precariato, afferma logiche autoritarie e incostituzionali nella gestione organizzativa delle scuole, mette in discussione diritti e libertà e cancella la contrattazione. Non intende ricercare il consenso con i sindacati e con chi nella scuola vive. Con questo atteggiamento la Ministra si assume la responsabilità di alimentare il malcontento e il conflitto nelle scuole e nel Paese.

Il 5 maggio vi è stato il più grande sciopero che la scuola ricordi e nel Paese ogni giorno continuano le  iniziative contro il disegno di legge. Chi protesta viene catalogato come conservatore, mentre chi distrugge la scuola pubblica sarebbe l’innovatore. La vera innovazione è rispettare la democrazia e ascoltare le ragioni di tutti. A settembre si rischia di iniziare l’anno scolastico nel peggiore dei modi in un clima di contenziosi infiniti e tra i tagli (oltre 400 milioni) decisi dalla legge di stabilità.

L’incontro di oggi ha confermato la distanza tra le consuete frasi di rito della Ministra e la scuola reale che non accetta più di essere umiliata. Ai senatori, a cui spetta l’esame del Ddl, chiediamo un atto di responsabilità per un cambiamento profondo del testo impresentabile uscito dalla Camera”.

Intanto la mobilitazione continua e il 5 giugno si svolgeranno fiaccolate in tutta Italia. È anche confermato lo sciopero degli scrutini con le modalità decise dalle organizzazioni sindacali unitariamente e nel rispetto della legge.