Inchiesta nazionale sul lavoro promossa dalla CGIL

Home » Comunicati stampa » Comunicati FLC CGIL » Gestione dei contagi nella scuola: inaccettabili le improvvisazioni. Chiediamo un cambio di passo, il governo investa nella salute e sicurezza di milioni di studenti e lavoratori

Gestione dei contagi nella scuola: inaccettabili le improvvisazioni. Chiediamo un cambio di passo, il governo investa nella salute e sicurezza di milioni di studenti e lavoratori

Comunicato stampa della Federazione Lavoratori della Conoscenza CGIL

01/12/2021
Decrease text sizeIncrease  text size

Roma, 1 dicembre - A meno di 24 ore dalla diffusione di una nota congiunta dei ministeri dell'Istruzione e della Sanità che aggiornava le indicazioni per la gestione dei casi positivi in ambito scolastico, disponendo la didattica a distanza immediata per tutta la classe anche in presenza di un solo contagio, i due ministeri smentiscono loro stessi con una nuova nota. Così facendo si ritorna di nuovo al programma di testing disposto il 3 novembre scorso, con la verifica immediata di positività solo per i cosiddetti "contatti stretti" e il proseguimento delle lezioni in presenza per il resto della classe, mentre la quarantena e di conseguenza la dad scattano per tutta la classe solo in presenza di almeno tre contagi.

Con queste indicazioni contraddittorie su un tema così delicato, le scuole vengono di nuovo gettate in una situazione di caos e confusione che aumenta la già difficile gestione quotidiana dei contagi aggravata  dallo scarso supporto dei dipartimenti di prevenzione delle Asl.


Quanto è successo è di una gravità inaudita ed è sintomatico di come certe scelte fatte sulla scuola siano frutto di improvvisazione anche ai massimi livelli politici. Come non leggere l'accaduto quale conseguenza della scelta sciagurata di non confermare le misure di sicurezza dello scorso anno ancora valide ed attuali?

La scuola ha bisogno di un cambio di passo nelle scelte politiche e gestionali da operare già con la prossima Legge di Bilancio. Il governo, senza ulteriori indugi, adotti misure a tutela della salute e della sicurezza di milioni di studenti e lavoratori, a partire dalla riduzione del numero degli alunni per classe e per istituto e dalla conferma dell'organico covid anche per il personale Ata. Queste e molte altre ragioni sono alla base della piattaforma rivendicativa dello sciopero del personale della scuola e dei dirigenti scolastici indetto dalla FLC CGIL, Uil scuola, Snals Confsal e Gilda Unams, per il prossimo 10 dicembre.