Elezioni RSU 2022, candidati con la FLC CGIL

Home » Comunicati stampa » Comunicati FLC CGIL » Insegnanti di religione? I diritti italiani non valgono

Insegnanti di religione? I diritti italiani non valgono

Comunicato stampa di Enrico Panini

27/02/2003
Decrease text sizeIncrease  text size

Comunicato stampa di Enrico Panini

Anche oggi, come abbiamo fatto quattro anni fa, esprimiamo la nostra solidarietà umana e politica a Simonetta, docente di religione presso la scuola media “Poliziano” di Firenze, licenziata in conseguenza della revoca dell’idoneità all’insegnamento disposta dal vescovo perché ragazza madre.

La recente pronuncia della Corte di Cassazione, nel respingere il ricorso di Simonetta contro il licenziamento, conferma così che nel nostro Paese i diritti (ivi compreso il diritto alla maternità e alla sua tutela) sono preclusi per quanti devono rispondere delle loro scelte al Vescovo.

E’ una situazione inaccettabile ma destinata a perpetuarsi a lungo.

Infatti, proprio l’idoneità concessa dal vescovo rappresenta la chiave di volta di un disegno di legge, proposto dal governo e attualmente all’esame del Senato, che stabilisce l’immissione in ruolo di circa 20.000 docenti di religione cattolica.

Roma, 27 febbraio 2003