Iscriviti alla FLC CGIL

Home » Comunicati stampa » Comunicati FLC CGIL » Scuola: il nuovo anno rischia di partire all'insegna dell'improvvisazione e del disagio per lavoratori e alunni

Scuola: il nuovo anno rischia di partire all'insegna dell'improvvisazione e del disagio per lavoratori e alunni

Comunicato stampa della Federazione Lavoratori della Conoscenza.

18/08/2020
Decrease text sizeIncrease  text size

Durante l’incontro di oggi 18 agosto 2020 col Ministero dell’Istruzione è stato riferito che la funzione dell’organico d’emergenza aggiuntivo è quello di andare incontro a situazioni di disagio per poter definire quote di adeguamento dell’organico.

Ma non può essere così: l’organico aggiuntivo definito dal DL Rilancio è, come vuole la norma, aggiuntivo rispetto alle richieste normalmente accordate di adeguamento alla situazione di fatto, perché ha come obiettivo specifico, in questo momento segnato dalla crisi pandemica e dalle difficoltà della ripresa, quello di permettere lo sdoppiamento delle classi e di garantire igienizzazione dei locali con maggiore frequenza, utilizzare più spazi, gestire più gruppi classe.

Chiediamo chiarezza e rispetto degli impegni presi dalla Ministra sull’attribuzione di risorse veramente aggiuntive per le scuole, diversamente significa continuare a portare avanti il gioco delle tre carte, per cui si toglie mentre si dà, anzi si toglie di più di quanto si dovrebbe dare.

Le risposte del Ministero sono insufficienti e contraddittorie, e soprattutto il Ministero deve chiarire a tutta la comunità scolastica se è sua intenzione dare seguito ai proclami e garantire la sicurezza in occasione della ripartenza, oppure se vuole fare giochini di bilancio: abbiamo bisogno di docenti per diminuire il numero degli alunni nelle classi, abbiamo bisogno di collaboratori scolastici per gestire nuovi spazi e aumentare i momenti di igienizzazione, abbiamo bisogno di più assistenti tecnici e amministrativi per garantire la funzionalità delle scuole in una situazione complessa come sarà quella di settembre.

E deve essere un organico aggiuntivo che vada oltre gli adeguamenti ordinari. E infine il Ministero metta in trasparenza gli esiti dei monitoraggi sulle richieste avanzate dalle scuole su spazi e richieste di risorse aggiuntive.

Grave la mancanza di risposte sul tema delle GPS: abbiamo chiesto di prevedere formalmente una procedura per la rettifica dei punteggi errati, visto che i problemi tecnici nella presentazione delle domande sono stati davvero numerosi. Ancora oggi non si sa come nominare i docenti di lingua inglese alla scuola primaria, visto che il sistema non ha consentito di indicare l'idoneità.

Insomma molti i problemi rappresentati e nessuna risposta soddisfacente, senza concorso straordinario e con graduatorie in ritardo o errate il nuovo anno rischia di partire all'insegna dell'improvvisazione e del disagio per lavoratori e alunni.