Elezioni RSU 2022, candidati con la FLC CGIL

Home » Comunicati stampa » Comunicati FLC CGIL » Scuola: una settimana molto importante

Scuola: una settimana molto importante

Comunicato Stampa di Enrico Panini

17/02/2003
Decrease text sizeIncrease  text size

Comunicato Stampa di Enrico Panini

Domani, martedì 18 febbraio, la Camera dei Deputati dovrebbe licenziare la controriforma della scuola con gli ultimi emendamenti che, se approvati, legheranno i decreti attuativi all’effettiva disponibilità di risorse per ognuno di essi. Si conferma così ufficialmente ciò che sanno tutti da tempo ma che il Ministro ha sempre negato: la Legge Moratti è senza copertura economica, le eventuali risorse saranno recuperate esclusivamente con riduzioni di posti di lavoro, di classi e di scuole pubbliche.
Dopo l’approvazione definitiva impugneremo alla Corte Costituzionale il ricorso alla delega che è palesemente incostituzionale e continueremo la protesta nelle scuole.

Mercoledì 19 febbraio migliaia di precari protesteranno, con i sindacati scuola confederali, davanti al Ministero per dire che rifiutano l’aumento artificiale del lavoro precario, che vogliono le immissioni in ruolo e che sono stanchi di essere considerati il ventre molle a spese del quale risparmiare un po’ di euro con le riduzioni di organico.

Siamo in presenza di record negativi.

Il primo riguarda il fatto che i precari, docenti ed ata, attualmente in servizio si avvicinano alle 200.000 unità, dato che non ha precedenti.
Il secondo riguarda il fatto che i posti vacanti sono circa 100.000 ma nessuna nomina in ruolo è stata fatta a settembre scorso (il precedente Governo ne aveva programmate per quella data 30.000) nonostante l’ampia disponibilità di persone con i titoli. Ciò non era mai accaduto.
Infatti, il Ministero non intende più fare immissioni in ruolo e non intende bandire i concorsi perché la Legge Moratti sulla scuola introduce la chiamata diretta a cura delle singole istituzioni scolastiche.

Giovedì 20 febbraio, alle ore 12.00, è stata convocata la conciliazione al MIUR in seguito alla mobilitazione annunciata da Cgil, Cisl, Uil e Snals per protestare contro la mancata chiusura della trattativa contrattuale, i tagli di organici e di risorse.
E’ ampiamente prevedibile che l’esito sia negativo perché il contratto è ben lungi dalla firma ed i tagli procedono a passo di corsa.
Subito dopo verrà annunciato un nutrito calendario di lotte e proteste che impegnerà la scuola fino allo sciopero generale del 24 marzo.

Roma, 17 febbraio 2003