Iscriviti alla FLC CGIL

Home » Comunicati stampa » Comunicati FLC CGIL » Università di Bari: la FLC CGIL al fianco dei lavoratori precari che rischiano il posto

Università di Bari: la FLC CGIL al fianco dei lavoratori precari che rischiano il posto

Comunicato stampa di Domenico Pantaleo, Segretario generale della Federazione Lavoratori della Conoscenza CGIL.

28/07/2014
Decrease text sizeIncrease  text size

L’attacco al lavoro continua anche nelle strutture deputate alla alta formazione, come sono le Università. In perfetta continuità con le scelte del passato il Governo Renzi continua a colpire il lavoro pubblico, riduce gli organici, licenzia i precari, intende tagliare ulteriormente le risorse alle università e riduce fortemente le risorse per il diritto allo studio. I singoli atenei anziché opporsi a questa deriva assecondano quel disegno che determina il peggioramento dell'offerta formativa e la continua diminuzione delle iscrizioni.

A Bari, il 30 luglio nell’Università A. Moro si rischia di cancellare posti di lavoro mandando a casa 21 dipendenti con più di 10 anni di lavoro.

Al di là di ogni formula giuridica, questi lavoratori hanno pienamente maturato il diritto a conservare la propria collocazione professionale nell’Università, guadagnata con anni e anni di impegno e di fatica. In più, da cinque anni sono inseriti ufficialmente in un piano di stabilizzazione che non può essere svaporato con la il calore dell’estate.

Non è neppure immaginabile che il Consiglio di Amministrazione del 30 luglio decida di spedirli a casa, perché la normativa sulle stabilizzazioni del Ministro Nicolais in questi 5 anni è più volte cambiata e l’Amministrazione non ha saputo provvedere per tempo.

La ricetta per uscire dalla crisi del Paese è ripartire dal lavoro creando più occupazione, non certo licenziando i lavoratori.

Chiedo Al Rettore prof. Antonio Uricchio l’impegno per stabilizzare questi rapporti di lavoro e allontanare ogni minaccia di licenziamento.