Iscriviti alla FLC CGIL

Home » Rassegna stampa » Nazionale » Covid-19: Lombardia, prorogata la chiusura delle scuole fino al 15 aprile

Covid-19: Lombardia, prorogata la chiusura delle scuole fino al 15 aprile

Il provvedimento potrebbe essere esteso alle altre regioni e anche a tutta Italia. Ma l’orizzonte di riapertura resta comunque maggio o addirittura per gli esami. La protesta dei sindacati per le procedure di mobilità.

25/03/2020
Decrease text sizeIncrease text size
Corriere della sera

La Regione Lombardia ha già precorso i tempi e nel fine settimana ha posticipato l’apertura delle scuole a dopo Pasqua: stando alle norme in vigore ora, nella regione più colpita dalla pandemia del Covid-19, si tornerà sui banchi il 15 aprile. E’ ovvio che una ulteriore proroga è non solo possibile ma altamente probabile. Ma l’idea di procedere per proroghe brevi e omogenee per tutte le restrizioni sta riprendendo corpo. Per quanto riguarda le scuole anche il presidente del Piemonte Alberto Cirio ha fatto sapere che si sta orientando ad allungare la chisura intanto fino al 15 aprile. Servirebbe a non creare confusione innanzitutto visto il susseguirsi delle misure e delle ordinanza.

Rientro a maggio o scuole chiuse fino alla fine?

Contro l’ipotesi delle proroghe brevi, c’è però la necessità per le scuole di sapere con una certa precisione come muoversi nelle prossime settimane visto che l’anno scolastico procede e potrebbe anche giungere al termine senza che insegnanti e studenti tornino in classe. Sapere l’orizzonte di chiusura è importante soprattutto per definire i contorni del nuovo esame di Maturità che per quest’anno sarà comunque alleggerito. E al momento si sta valutando comunque il prolungamento fino al 3 maggio come periodo minimo di chiusura.

La mobilità

La linea prevalente al Ministero dell’Istruzione è comunque quella di portare avanti tutto ciò che si può: è di lunedì il provvedimento per la mobilità del personale che ha come termine per la presentazione delle domande il 21 aprile. Protestano i sindacati Cgil, Cisl, Uil, Snals e Gilda in una nota: «Fissare questo termine è assoluta mancanza di buon senso, incompatibile con le restrizioni fissate dal governo per questo periodo»