Testo CCNL Istruzione e Ricerca

Home » Rassegna stampa » Nazionale » Repubblica: Nature attacca il presidente del Cnr: meriti gonfiati

Repubblica: Nature attacca il presidente del Cnr: meriti gonfiati

L´accusa lanciata dalla rivista: è la seconda in due settimane. E oggi protestano i ricercatori davanti alla sede dell´ente

30/03/2006
Decrease text sizeIncrease text size
la Repubblica

ROMA - Doppio attacco contro la presidenza del Consiglio Nazionale delle Ricerche. Protestano oggi i ricercatori dell´ente davanti alla sede di piazzale Aldo Moro, a Roma, con la solidarietà di un gruppo di colleghi dell´adiacente università La Sapienza. E per la seconda volta in due settimane la rivista Nature, una delle due più prestigiose sul fronte scientifico, attacca il presidente del Cnr Fabio Pistella. Nel numero del 16 marzo un "rapporto speciale" di Nature intitolato "Salvare la scienza italiana" accusava Pistella, nominato a luglio del 2004 dal governo Berlusconi, di aver gonfiato i suoi meriti scientifici: «Il presidente del Cnr ha giustificato la sua candidatura con un curriculum che vanta 150 pubblicazioni scientifiche. Ma nell´indice Thomson Isi ne sono state identificate solo tre». La Thomson Isi è una delle più importanti società indipendenti di analisi dei dati della ricerca a livello internazionale. Pistella si è giustificato sostenendo che «il suo ruolo richiede solo capacità manageriali». Ma la rivista scientifica torna alla carica sul numero di oggi: «Il presidente ha promesso di pubblicare sul sito del Consiglio la lista di tutte le sue pubblicazioni. Ma al momento di andare in stampa non lo ha ancora fatto».
Nel rapporto "Salvare la scienza italiana" la rivista dava ampio spazio al programma di Prodi per rilanciare la ricerca e intervistava una serie di docenti universitari critici nei confronti del governo Berlusconi. Il 21 marzo una lettera firmata da 39 fra i più attivi scienziati italiani lamentava che la risposta di Pistella alle accuse mosse da Nature «non era all´altezza della dignità che la sua carica richiede». Sulla scia della polemica innescata da Nature, alla manifestazione di oggi sono attesi un migliaio di ricercatori.