Testo CCNL Istruzione e Ricerca

Home » Rassegna stampa » Nazionale » Scuola, ecco il concorso-sanatoria: 48 mila diplomate magistrali più vicine alla cattedra

Scuola, ecco il concorso-sanatoria: 48 mila diplomate magistrali più vicine alla cattedra

E' partito il "colloquio senza valutazione" che porterà all'assunzione delle precarie bocciate dal Consiglio di Stato. E seimila maestre già in ruolo usano la prova per farsi trasferire

23/05/2019
Decrease text sizeIncrease text size
la Repubblica

Corrado Zunino

OMA - Nel silenzio si stanno svolgendo i "concorsi-sanatoria" per portare nelle graduatorie di arruolamento della scuola le Diplomate magistrali, categoria di insegnanti dell'infanzia e della primaria che nelle ultime stagioni ha rivendicato rumorosamente il proprio diritto alla cattedra. Secondo i dati del ministero dell'Istruzione, elaborati dalla Federazione dei lavoratori della conoscenza della Cgil, per il concorso non selettivo (un colloquio orale senza valutazione, idea forte del senatore leghista Mario Pittoni) hanno fatto domanda 48.472 aspiranti, quasi tutte donne. Bene, un terzo di queste - 15.908 è il numero - sono già docenti di ruolo, a tempo indeterminato.

Colpisce che maestre che hanno già cattedra e ferie pagate partecipino a un nuovo concorso-sanatoria, cosa possibile secondo recenti sentenze. Diecimila di queste sono state costrette a passare per la "prova straordinaria Bussetti" (è stato il primo provvedimento preso dal ministro, in apertura di legislatura) poiché l'ultima ordinanza del Consiglio di Stato aveva aperto la strada al loro licenziamento: impugnazione della clausola risolutiva, si chiama. Altre seimila docenti in cattedra hanno usato lo strumento come un taxi, ovviamente in maniera impropria, per far crescere la possibilità di un loro trasferimento. In tutto, tra precarie e già assunte, sono 12.660 le partecipanti alla sanatoria per motivi di mobilità, ultima anomalia dei concorsi scolastici italiani.


I colloqui non selettivi si stanno svolgendo all'interno degli istituti scolastici del Paese. Ha avuto accesso al concorso su misura chi era in possesso di un diploma magistrale abilitante e gli stessi laureati in Scienze della formazione primaria purché, negli ultimi otto anni scolastici, avessero svolto almeno due anni di servizio anche non continuativo. Due stagioni di supplenze, anche a spezzoni. Per la prova, settanta punti su cento sono assegnati in virtù dei titoli posseduti (il servizio, da solo, ne vale cinquanta) e trenta per il colloquio orale di natura didattico-metodologica. Tra i titoli valutabili ci sono il superamento di concorsi precedenti e altre abilitazioni di livello universitario.

Chi passerà la nuova prova entrerà in una graduatoria di merito speciale: le 48 mila diplomate magistrali (più poche laureate in Scienze della formazione primaria) saranno posizionate in coda al gruppo che ha vinto il concorso ordinario 2016 e non è stato ancora assunto. In Sicilia, per esempio, gli ingressi in ruolo sono così ingolfati che i vincitori 2016 sono ancora bloccati in graduatoria.