Emergenza Coronavirus: notizie e provvedimenti

Home » Notizie dalle Regioni » Campania » Benevento » Condannato il conservatorio di musica “Nicola Sala” di Benevento per comportamento antisindacale

Condannato il conservatorio di musica “Nicola Sala” di Benevento per comportamento antisindacale

Importante sentenza che riafferma il ruolo della rappresentanza sindacale e della contrattazione.

10/09/2020
Decrease text sizeIncrease  text size

A cura della FLC  CGIL e UIL Scuola RUA di Benevento

Le segreterie provinciali della FLC CGIL e della UIL Scuola RUA vincono il ricorso nei confronti dei vertici del Conservatorio di Musica “Nicola Sala” di Benevento per comportamento antisindacale (ex art. 28 L. 300/70 Statuto dei lavoratori).

Per troppo tempo le OO.SS. avevano invano invocato l’attenzione del Direttore e del Presidente del Conservatorio sulla necessità di un confronto nel rispetto del Contratto collettivo nazionale di lavoro del Comparto Istruzione e Ricerca; confronto mai concesso tanto da non lasciare alternativa ai sindacati se non quella di una tutela in sede giurisdizionale.

Le OO.SS. si sono rivolte al giudice del lavoro, lamentando il carattere antisindacale del comportamento del Conservatorio “Nicola Sala” e denunciando che nell’a.a. 2019/2020 lo stesso sistematicamente ignorato tutte le loro richieste di informazione e di confronto, nonché tutte le richieste di avvio della sessione negoziale di contrattazione integrativa, nonostante le rassicurazioni fornite nel corso di un incontro in Prefettura, tenutosi su richiesta delle OO.SS., e la disponibilità manifestata in quella sede da parte dei vertici dell’Istituzione musicale beneventana.

Il Giudice Cassinari, del Tribunale del Lavoro di Benevento, rilevata la fondatezza delle doglianze ha accolto totalmente i rilievi mossi delle OO.SS. rappresentate dagli avvocati Pasquale Biondi e Maurizio Curatolo dichiarando antisindacale la condotta del Conservatorio “Nicola Sala” di Benevento e ordinando allo stesso di cessare le condotte illegittime e di rimuoverne gli effetti, consegnando alle OO.SS. ricorrenti le informazioni in ordine all’utilizzo dei fondi d’istituto della contrattazione per l’a.a. 2018/19 e dando avvio al tavolo di confronto sugli aspetti organizzativi relativi alle prestazioni lavorative del personale docente e tecnico-amministrativo, nonché sulle procedure da adottare per garantire la sicurezza dei docenti, del personale, degli studenti e dell’utenza, in relazione all’emergenza epidemiologica da Covid 19.

Il giudice, accogliendo le richieste dei sindacati, ha altresì disposto la pubblicazione della sentenza sul sito internet del Conservatorio entro 10 giorni dalla sua comunicazione e condannato il Conservatorio al pagamento delle spese di lite, liquidate in euro 1.823,00 in favore di ciascuna delle OO.SS. ricorrenti, oltre rimborso forfettario spese generali, IVA e CPA come per legge, con attribuzione in favore dei procuratori anticipatari. A tal proposito, sarà cura delle Organizzazioni Sindacali andare a fondo nell’accertamento delle effettive responsabilità dei singoli, affinché di queste non sia tenuta a rispondere indiscriminatamente l’Istituzione e, dunque, la collettività.

Le OOSS promotrici esprimono la loro piena soddisfazione per una sentenza che valorizza l’importanza della contrattazione decentrata d’istituto legata a una visione democratica e partecipativa della vita accademica, al contrario, il “dirigismo” dei vertici del Conservatorio come modalità di governo dell’Istituzione musicale esprime una visione tecnocratica, del tutto incompatibile con la natura pubblica del Conservatorio.

Assicurano inoltre che continueranno in ogni sede a tutelare i diritti dei lavoratori e a contrastare l’errata convinzione di chi percepisce la presenza delle rappresentanze sindacali come un’indebita e fastidiosa ingerenza nel proprio operato, anziché il pieno esercizio di quelle prerogative sindacali costituzionali e consacrate nella normativa a tutela dei lavoratori.

Un particolare ringraziamento va agli avvocati Biondi e Curatolo per il prezioso contributo dato nel ristabilire il giusto riconoscimento dei ruoli e delle funzioni delle parti nel Conservatorio di musica sannita.

I Segretari delle Organizzazioni Sindacali di settore della Provincia di Benevento

FLC CGIL

UIL SCUOLA RUA

E. Viele

A. DeNigris