Testo CCNL Istruzione e Ricerca

Home » Notizie dalle Regioni » Emilia Romagna » Ravenna » Per la FLC di Ravenna, l'avvio del prossimo anno scolastico si prevede complicato

Per la FLC di Ravenna, l'avvio del prossimo anno scolastico si prevede complicato

Poco personale ATA, pochi DSGA, pochi Dirigenti Scolastici

26/06/2018
Decrease text sizeIncrease  text size

A cura della FLC CGIL Ravenna

Le 44 scuole di Ravenna e provincia, il prossimo settembre, apriranno i cancelli a 46.279 studenti e studentesse (circa un centinaio in più rispetto all’anno scolastico 17/18), di questi 1.350 diversamente abili.
“A seguito dell'informativa ricevuta dall’ufficio scolastico territoriale in merito all’organico di diritto del personale Ata - dichiara Marcella D’Angelo, segretaria provinciale Flc Cgil - abbiamo la percezione quanto mai chiara, di quanto sarà complicato l’avvio del prossimo anno scolastico. Nonostante l’incremento degli alunni per il 2018/19, le unità di assistenti amministrativi autorizzati nella nostra provincia, sono pari a 265, soltanto 2 in più rispetto all’anno scolastico in corso. Alunni, personale, genitori, amministrazione, contabilità e ragioneria, supporto alla didattica, organizzazione, gestione magazzino, dematerializzazione e gestione multimediale e non ultima, la questione dei vaccini: questo il lavoro degli amministrativi scolastici, svolto con personale ridotto all’osso e umiliato dallo stesso datore di lavoro. Il Miur infatti, non più tardi di qualche mese fa, ‘invitava’ gli stessi a concludere gli adempimenti relativi alle graduatorie di istituto anche di sabato e di domenica e dalle 7 alle 22. Quindi - continua la segretaria provinciale - dichiarare che gli assistenti amministrativi siano sempre più oberati da aumenti improponibili di carico di lavoro non è retorica, ma un dato di fatto ampiamente dimostrato e dimostrabile. Inoltre, 19 scuole delle 44 presenti nella nostra provincia, non avranno il Direttore dei servizi generali e amministrativi (direttore delle segreterie scolastiche) perché le graduatorie sono esaurite da oltre un decennio e il concorso relativo a queste figure professionali, non viene bandito dal 1994/95. Le unità relative agli assistenti tecnici rimangono invariate rispetto all’anno scolastico in corso: 103. Totalmente insufficienti rispetto al numero degli studenti della nostra provincia”.
“I laboratori non si autogestiscono - continua la segretaria della Flc Cgil - e sono indispensabili per arricchire la crescita formativa degli studenti di ogni ordine e grado tant’è che gli assistenti tecnici dovrebbero essere previsti anche nelle scuole del primo ciclo, considerato il prezioso lavoro che svolgono. Collaboratori scolastici: 14 in più rispetto all’anno in corso. Sembrerebbe un buon risultato se non vi fosse un aumento sostanziale di alunni e il ruolo strategico di queste figure in chiave inclusione/integrazione scolastica. In definitiva l’organico di diritto del personale Ata per l’anno scolastico 2018/19, è ancora una volta insufficiente e, ad oggi, nulla è dato sapere dell’organico di fatto che si spera, riuscirà a compensare il maltorto subito in questa fase. Infine sono presenti nella nostra provincia soltanto 26 Dirigenti Scolastici su 44 scuole, significa che 18 di loro reggono e dovranno continuare a reggere una seconda scuola per cercare di
garantire un regolare avvio del prossimo anno scolastico. Con questi presupposti, non sarà in discesa l’avvio del prossimo anno scolastico - conclude Marcella D’Angelo -; è necessario infatti un cambio di rotta da parte del Ministero e da parte del Governo, un’ inversione di tendenza che metta al centro la scuola pubblica italiana: il primo baluardo contro l’impoverimento culturale e il qualunquismo strategico”.

Tag: dsga, miur, organici