Testo CCNL Istruzione e Ricerca

Home » Notizie dalle Regioni » Lazio » Roma » “Perché Noi No? Stesso Lavoro, Stessi diritti!”, 26 giugno assemblea dei precari alla Sapienza

“Perché Noi No? Stesso Lavoro, Stessi diritti!”, 26 giugno assemblea dei precari alla Sapienza

Il 26 giugno alle ore 15 in auletta sindacale a Palazzo Tuminelli si svolge un’assemblea per parlare della stabilizzazione dei tanti precari e delle tante precarie nell’università.

20/06/2018
Decrease text sizeIncrease  text size

A cura della FLC CGIL Roma e Lazio

A partire dalla legge 133/2008 l’Italia ha ridotto le risorse per l’università e la ricerca, in controtendenza rispetto a tutti i paesi OCSE. Negli ultimi 10 anni si è ridimensionata strutturalmente la formazione superiore nel nostro paese attraverso tagli al FFO, blocco del turn-over, contrazione dei fondi per la ricerca e riduzione delle sedi e dei corsi di laurea.

La precarizzazione del lavoro di ricerca e di didattica è diventata una normalità negli atenei italiani, basta pensare che ai circa 50.000 strutturati, si affiancano 3.500 ricercatori di tipo A e circa 2.500 ricercatori di tipo B e quasi 15.000 assegnisti di ricerca, necessari per garantire in tutti gli atenei l’ordinario e fisiologico lavoro didattico, di ricerca e in alcuni contesti persino istituzionale. A questo si aggiungono circa 19.000 persone che svolgono attività di docenza con contratti di supporto alla didattica, spesso banditi a titolo gratuito, nelle università statali.

Ciò è inaccettabile per il presente e il futuro dell’Università. I ricercatori precari dell’Università svolgono attività stabile di ricerca e didattica e stabile deve essere il loro contratto di lavoro.

Ulteriore ingiustizia ai danni dei precari universitari si è avverata con l’esclusione di queste figure dalla cosiddetta Legge Madia che consentirà, tramite un meccanismo di cofinanziamento, la stabilizzazione di un consistente numero di precari in tutti i settori della pubblica amministrazione. Risulta paradossale la discriminazione dei ricercatori precari dell’università, figure analoghe se non addirittura identiche a quelle che operano negli enti pubblici di ricerca, ma ai quali non si offre nessuna prospettiva analoga di stabilizzazione o reclutamento.

Questa lotta contro la precarietà iniziata con l’assemblea del 4 aprile ancora non ha prodotto i risultati attesi.

È dunque urgente rimettere in discussione le condizioni di lavoro e di vita di un’intera generazione di ricercatori, per chiedere un piano straordinario di stabilizzazione e reclutamento, in grado di intervenire sulla piaga del precariato e una riforma del preruolo universitario che garantisca condizioni di lavoro adeguate e prospettive. Tutto questo all’interno di un rilancio del sistema universitario pubblico, con una ripresa stabile dei finanziamenti e un intervento normativo per superare le tante contraddizioni prodotte dalla legge 240/2010 e dai successivi interventi legislativi.

Ne parliamo a Sapienza il 26 giugno alle ore 15 in auletta sindacale a Palazzo Tuminelli al piano -1 in un primo momento di confronto per iniziare ad organizzarci e rivendicare quello che ci spetta!

FLC CGIL SAPIENZA
ADI ROMA

Rimani aggiornato, segui su Facebook la pagina dell’evento.