Testo CCNL Istruzione e Ricerca

Home » Notizie dalle Regioni » Lazio » Roma » Studenti aggrediti al Liceo Classico e delle Scienze Umane Benedetto da Norcia di Roma

Studenti aggrediti al Liceo Classico e delle Scienze Umane Benedetto da Norcia di Roma

Ancora una volta si vuole colpire la scuola in quanto presidio di libertà, di democrazia, di cultura, di solidarietà.

20/02/2019
Decrease text sizeIncrease  text size

A cura della CGIL e FLC CGIL Rieti Roma Est Valle dell’Aniene

Mercoledì 20 febbraio 2019, una delle scuole emblema del nostro territorio, il Liceo Classico e delle Scienze Umane Benedetto da Norcia, che da poche settimane ha festeggiato i suoi 50 anni di prestigiosa attività, è stato oggetto di un’aggressione di stampo neofascista, con vittime alcuni studenti, che sono stati costretti a rivolgersi alle cure sanitarie per le ferite riportate. Leggi la notizia sul sito della scuola.

Non è la prima volta che gli studenti di questa scuola sono vittime di una aggressione da parte di giovani che con atteggiamento aggressivo e provocatorio, intendono obbligare gli studenti a prendere dei volantini e non sono pronti ad accettare un diniego, da parte di coloro che non intendono accettarli perché non ne condividono le idee.

Nella piena convinzione che la scuola debba essere presidio essenziale della democrazia, che nel rispetto della libertà di espressione non si possa obbligare nessuno, e tantomeno studenti, ad accettare per forza un volantino che richiama alla mente idee e valori nostalgici per un passato fatto di atteggiamenti razziali e/o nazionalismi settari e divisivi, la FLC CGIL di Rieti Roma Est Valle dell’Aniene e la CGIL di Rieti Roma Est Valle dell’Aniene esprimono solidarietà e sostegno verso gli studenti, i docenti, il personale tutto della scuola e il dirigente scolastico.

La scuola non deve essere luogo di scontro ma momento di crescita e di formazione continua e insostituibile. Proprio grazie all’azione educatrice si può garantire una formazione democratica fondata sui principi essenziali di uguaglianza e pacifica convivenza, fondati sulla condivisione e non certo sulla violenza o su metodi intimidatori che non devono caratterizzare la vita nel nostro territorio, nelle nostre scuole e in tutto il nostro Paese.

La FLC CGIL Rieti Roma Est Valle dell’Aniene e la Cgil di Rieti Roma Est Valle dell’Aniene fanno appello alle autorità affinché si faccia chiarezza sui responsabili di tali atti intimidatori e di violenza. Si impegnano inoltre a promuovere iniziative volte a ribadire il rispetto dei valori democratici, dell’antiviolenza e dell’antifascismo nelle nostre scuole e nei nostri luoghi di lavoro.