Testo CCNL Istruzione e Ricerca

Home » Notizie dalle Regioni » Lazio » Roma » Università Tor Vergata: sottoscritto il Contratto Integrativo di Ateneo 2018

Università Tor Vergata: sottoscritto il Contratto Integrativo di Ateneo 2018

Si concretizza tutto quanto era già stato anticipato nel corso dell’incontro dello scorso dicembre.

04/02/2019
Decrease text sizeIncrease  text size

Il 30 gennaio 2019 si è svolta la prima riunione di contrattazione integrativa del 2019 con i seguenti argomenti all’ordine del giorno:

  1. Fondo comune di Ateneo;
  2. Ipotesi di Accordo Integrativo 2018;
  3. Informativa sulle ferie solidali;
  4. Piano della formazione 2019;
  5. Informazione sulla programmazione triennale del Personale;
  6. Informazioni su assetto organizzativo Dipartimenti e aggiornamento su assetto organizzativo Amministrazione Generale;
  7. Varie ed eventuali.

1. Come primo adempimento è stato sottoscritto l’accordo per l’utilizzo di 158.000€ del Fondo comune di Ateneo.

2. Dopo alcune richieste di chiarimenti e di piccole modifiche, è stato sottoscritto l’Ipotesi di Contratto Integrativo 2018, che ora andrà al vaglio dei revisori dei conti.

3. Ferie e riposi solidali: l’Amministrazione ha presentato una bozza di circolare che contiene le linee guida introdotte dal nuovo Contratto Collettivo Nazionale: “su base volontaria ed a titolo gratuito il dipendente può cedere parte delle proprie ferie ad altro dipendente che abbia esigenza di prestare assistenza ai figli minori che necessitino di cure costanti, per particolari condizioni di salute”. Quanto prima sarà ufficializzata e inviata a tutto il Personale. A riguardo abbiamo chiesto che venga utilizzata, per gli adempimenti necessari, la commissione “Fondo di Solidarietà – Affari Sociali”.

4. Piano della Formazione: l’Amministrazione oltre ad aver fornito un puntuale e dettagliato resoconto dei costi e del Personale che ha partecipato ai corsi nel 2018, ha presentato il piano della formazione per 2019 che oltre ad un incremento del budget, prevede anche l’aumento dei corsi.

5. Programmazione triennale reclutamento del Personale: il Direttore Generale ha confermato l’impegno a destinare almeno 6 punti organico per i prossimi anni per il reclutamento del Personale Tecnico, Amministrativo e Bibliotecario e si è detto disponibile a valutare la nostra richiesta di attivare progressioni di categoria su procedure riservate al Personale interno, considerato il basso impatto in termini di utilizzo di punti organico.

6. Assetto organizzativo Dipartimenti, Facoltà e Macroaree: alla luce di quanto già comunicato circa la possibilità di prevedere nuove posizioni organizzative con incarichi di responsabilità (circa 80), è stato presentato un prospetto che sarà oggetto di discussione alla prossima riunione di contrattazione.

7. Aggiornamento su assetto organizzativo Amministrazione Generale: è stato presentato un nuovo prospetto organizzativo: Uffici diretta collaborazione del Rettore, del Direttore Generale e Direzioni 1, 2, 3, 4, 5.

 Per quanto riguarda il Contratto Integrativo 2019, l’Amministrazione si è impegnata a calendarizzare una serie di incontri (il primo è previsto a metà marzo), per arrivare a sottoscrivere l’accordo entro giugno p.v. Naturalmente è anche nostro auspicio sottoscrivere l’accordo integrativo in corso d’anno, anche se, è da tenere in considerazione che il prossimo Contratto Integrativo sarà l’occasione per rivedere, alla luce del nuovo CCNL, tutte le voci di utilizzo del salario accessorio e pertanto dovrà essere riposta particolare attenzione alle ricadute delle novità che verranno apportate, a partire dagli effetti della valutazione.

Varie ed eventuali

Sono state concordate le date delle elezioni per il rinnovo dei RLS (Rappresentanti Lavoratori Sicurezza): si vota i giorni 20 e 21 marzo 2019.

Si è discusso inoltre della necessità di rivedere il Regolamento del Telelavoro per renderlo più flessibile, sia in termini di accesso che di numero di persone che ne potranno fruire (fermo restando quanto previsto dalle norme in materia).

Esprimiamo soddisfazione per questi positivi risultati raggiunti, che sono frutto di un confronto costruttivo con l’Amministrazione che ha portato ad un utilizzo del salario accessorio attento ai diritti della generalità dei dipendenti. Siamo anche soddisfatti che l’accordo sia stato sottoscritto da tutte le organizzazioni sindacali e dalla RSU, mentre per quanto riguarda la dichiarazione a verbale sottoscritta dalle altre organizzazioni sindacali, aldilà della poca correttezza di non essere stati informati prima della sua formalizzazione all’Amministrazione (ne siamo venuti a conoscenza solo durante la riunione), abbiamo valutato il tutto poco significativo ed anche un po’ “particolare”: mentre si sottoscrive un accordo si dichiara nel contempo che per il prossimo anno si vuole fare diversamente; per quanto ci riguarda l’accordo delineato nei mesi scorsi e sottoscritto il 30 gennaio, nelle condizioni date, è un ottimo accordo e non abbiamo bisogno di inventarci diversivi, fermo restando che, ovviamente, si continua il confronto con l’Amministrazione per trovare punti d’accordo sempre migliori, a partire dal contratto integrativo 2019!