Testo CCNL Istruzione e Ricerca

Home » Notizie dalle Regioni » Marche » Pesaro Urbino » Precari della scuola: il 15 febbraio presidio a Pesaro per rivendicare il diritto alla stabilizzazione

Precari della scuola: il 15 febbraio presidio a Pesaro per rivendicare il diritto alla stabilizzazione

La FLC CGIL di Pesaro Urbino a fianco dei lavoratori precari davanti all’Ufficio Scolastico Provinciale dalle ore 15 alle ore 17.

12/01/2018
Decrease text sizeIncrease  text size

A cura della FLC CGIL di Pesaro Urbino

Vogliamo nuovamente riportare al centro del dibattito politico nazionale il problema della flessibilità del lavoro all’interno della scuola italiana. Un sistema che si regge sulla professionalità dei lavoratori a termine ma che non riconosce loro il diritto ad avere un contratto di lavoro che consenta di condurre una vita dignitosa, condannandoli ad essere precari a vita.

Saranno presenti sia i diplomati magistrali che, a seguito della sentenza dell’Adunanza Plenaria si sono visti sfumare la possibilità di accedere al ruolo, registrando così la retromarcia della giurisprudenza dopo quattro anni di sentenze favorevoli.

Ci saranno i laureati in scienze della formazione primaria fuori dalle gae i cui diritti non sono stati riconosciuti e si sono trovati in balia di repentini cambiamenti di regole, di complicazioni burocratiche.

Le nostre richieste:

  • apertura immediata di un tavolo di confronto per definire una soluzione politica che coinvolga diplomati magistrali e laureati in scienze della formazione primaria e consenta l’accesso all’assunzione a tempo indeterminato
  • investimenti sulla primaria e sull’infanzia, per il ripristino del tempo scuola e l’introduzione del potenziamento sulla scuola dell’infanzia
  • l’abolizione del comma 131 della Legge 107/15 che umilia i lavoratori e penalizza chi supera i 36 mesi di servizio nella scuola.

Per tutto questo saremo presenti davanti all’Ufficio Scolastico Provinciale, per gridare a gran voce e insieme che non si possono più negare i diritti a questi lavoratori, tutta la comunità scolastica ha bisogno di continuità.