Testo CCNL Istruzione e Ricerca

Home » Notizie dalle Regioni » Molise » Personale ATA: in Molise in 10 anni persi 508 posti

Personale ATA: in Molise in 10 anni persi 508 posti

Per l'a.s 2019/20 disponibili 122 posti per le immissioni in ruolo.

08/07/2019
Decrease text sizeIncrease  text size

A cura della FLC CGIL Molise

Il Ministero dell’Istruzione ha reso noto, il 5 luglio 2019, l’esito dei movimenti del personale ATA

Dopo la pubblicazione dei risultati,  abbiamo rielaborato i dati forniti dal Ministero dell’Istruzione per calcolare le disponibilità previste per le prossime immissioni in ruolo e le supplenze annuali di Collaboratori scolastici, Assistenti amministrativi e tecnici, DSGA.

Secondo la nostra elaborazione nazionale, questa la situazione in Molise:

DSGA

ASS.AMM

ASS.TEC

Coll.Scol

Add.Az.Agr

Cuoco

Guardarob.

TOT

CB

3

22

9

49

1

1

1

86

IS

4

8

3

21

0

0

0

36

tot

7

30

12

70

1

1

1

122

In totale, quindi, sono 122 i posti disponibili per le immissioni in ruolo: i dati finali potrebbero subire qualche variazione a seguito di rettifiche o di modifiche nel contingente delle immissioni in ruolo. Come abbiamo già evidenziato, è ora necessario un piano straordinario di assunzioni del personale ATA, di cui non si ha ancora notizia, che garantisca la copertura di tutti i posti liberi.

Si tratterebbe di un primo positivo segnale, che comunque  non basterebbe per garantire la funzionalità delle scuole.

Più volte abbiamo denunciato il drastico calo dell’organico di diritto del personale ATA nella nostra Regione: in dieci anni si sono perse 508 unità di personale tra tutti i profili.

La novità è che quest’anno il dato è anche in controtendenza rispetto a quello nazionale: mentre l’organico complessivo nazionale del personale amministrativo, tecnico ed ausiliario resta sostanzialmente invariato, aumentando di 36 unità nonostante la diminuzione degli alunni, in Molise assistiamo ad un ulteriore diminuzione di 14 posti, in percentuale la più alta d’Italia.

Ciò conferma che il taglio non può essere addebitato solo al calo degli iscritti, come qualcuno voleva far credere: ci sono regioni che pur perdendo alunni hanno visto in ogni caso un incremento di organico, mentre il Molise continua nel suo lento declino, nell’indifferenza di tutti.

Con questi numeri, la vigilanza degli alunni, l’assistenza ai disabili, la pulizia dei locali, i servizi rivolti all’utenza, le mille incombenze amministrative da cui sono gravate le scuole rischiano di non essere garantite.  

Fino ad oggi i nostri appelli sono rimasti inascoltati da parte delle istituzioni e del governo regionale: è tempo di dare risposte alle richieste del mondo della scuola, che chiede attenzione e interventi concreti per arrestare un declino che altrimenti sarebbe inesorabile.

Campobasso, 6 luglio 2019