Elezioni RSU 2022, candidati con la FLC CGIL

Home » Notizie dalle Regioni » Piemonte » FLC Piemonte: occorre una buona legge per il diritto allo studio

FLC Piemonte: occorre una buona legge per il diritto allo studio

La bozza del Disegno di Legge sul diritto allo studio del Piemonte va fortemente ripensata

24/07/2006
Decrease text sizeIncrease  text size

Il Comunicato stampa FLC Cgil Piemonte

UNA BUONA LEGGE PER IL DIRITTO ALLO STUDIO!

Desta forte sconcerto e preoccupazione il fatto che la discussione sulla Bozza di Disegno di Legge sul diritto allo studio della regione Piemonte si sia incentrata soprattutto sulla quantità di fondi da destinare alla scuola paritaria.

Vengono destinati oltre 10 milioni di euro a circa 15000 allievi della scuola paritaria, a fronte di 20 milioni di euro destinati agli oltre 400mila alunni delle scuole piemontesi!

La FLC Cgil ritiene sbagliato comprendere nelle spese rimborsabili le rette ed iniquo il meccanismo della doppia graduatoria sugli assegni di studio, pensato al solo ed evidente scopo di assicurare agli allievi della scuola paritaria, tramite la graduatoria separata per le spese di frequenza e di istruzione, un finanziamento pro-capite circa 10 volte più grande di quello cui potranno accedere gli allievi della scuola statale.

Pur apprezzando i significativi passi avanti in materia di lotta alla dispersione, intervento a favore dei disabili e dei migranti e di finanziamento dei progetti degli Enti Locali, la FLC Piemonte ribadisce che soltanto un provvedimento di sostegno al diritto allo studio tramite borse di studio di pari entità legate esclusivamente al reddito delle famiglie e commisurato ai diversi gradi di istruzione, come afferma la Legge 62/2000, può rappresentare davvero un intervento equo ed efficace per venire incontro ai bisogni delle famiglie a basso reddito.

L’obiettivo di un reale superamento della logica perversa dei buoni scuola introdotti dalla Giunta Ghigo è ben lontano dall’essere raggiunto!

La FLC Piemonte impegna tutte le proprie strutture ad aprire confronti con i lavoratori, le famiglie, gli studenti, affinché sia svolta una capillare e corretta azione di informazione e di vigilanza su un provvedimento controverso e sbagliato che ancora una volta rischia di essere assunto mentre le scuole sono chiuse.

LA SEGRETERIA FLC PIEMONTE