Inchiesta nazionale sul lavoro promossa dalla CGIL

Home » Notizie dalle Regioni » Puglia » Bari » Puglia. Proclamato lo stato di agitazione di tutto il personale della scuola statale

Puglia. Proclamato lo stato di agitazione di tutto il personale della scuola statale

Tra le ragioni della protesta: i tagli agli organici, la mancata garanzia della continuità e qualità del servizio scolastico, le ricadute sui precari.

04/03/2008
Decrease text sizeIncrease  text size

Pubblichiamo di seguito la lettera con cui si indice, unitariamente, lo stato di agitazione del personale della scuola in Puglia e si richiede l'esperimento della procedura di conciliazione.

Roma, 4 marzo 2008
__________________

FLC Cgil - CISL Scuola - UIL Scuola
Puglia

Bari, 3 marzo 2008

Al Direttore scolastico regionale
della Puglia

Al Prefetto di Bari

Al Ministero della Pubblica Istruzione
Ufficio del Personale
Roma

e p.c.
Assessore al Diritto allo Studio
Regione Puglia

FLC Cgil
CISL Scuola
UIL Scuola
Roma

Oggetto: Proclamazione dello stato di agitazione di tutto il personale della scuola di Puglia e richiesta di esperimento della procedura di conciliazione.

Le Organizzazioni sindacali FLC Cgil, CISL Scuola, UIL Scuola - Puglia, ai sensi dell’articolo 2, della Legge n. 146 del 12 giugno 1990 come modificata dalla Legge n. 83/2000, proclamano lo stato di agitazione di tutto il personale della scuola statale della Puglia.

Lo stato di agitazione è motivato dalle seguenti ragioni:

  • inadeguatezza della dotazione organica per l’a.s. 2008/9, come attribuita alla Puglia dalla relativa bozza di Decreto Interministeriale;

  • la conseguente previsione di aumento del numero di alunni per classe, anche in situazioni in cui le condizioni strutturali delle scuole non lo consentirebbero;

  • il concreto rischio di mancata garanzia della continuità e della qualità del servizio scolastico, compresa la sorveglianza e la custodia;

  • le pesanti ricadute sulla situazione dei precari della scuola.

Si richiede, pertanto, l’esperimento della procedura conciliativa prevista dalla citata Legge, convocando l’Organismo di conciliazione, con i soggetti di cui in indirizzo, presso la Prefettura del capoluogo di Regione.

Si rimane in attesa di riscontro.

FLC Cgil - Paolo Peluso
CISL Scuola - Attilio D’Ercole
UIL Scuola - Giancarlo Turi

Tag: organici, tagli