Testo CCNL Istruzione e Ricerca

Home » Notizie dalle Regioni » Puglia » CNR: resoconto delle assemblee che si sono svolte in Puglia

CNR: resoconto delle assemblee che si sono svolte in Puglia

Due gli appuntamenti (12 e 13 giugno 2012) ai quali hanno partecipato il responsabile regionale FLC CGIL della struttura di comparto ricerca e la coordinatrice nazionale FLC CGIL del CNR.

18/06/2012
Decrease text sizeIncrease  text size

Le segreterie territoriali FLC CGIL di Taranto - segretaria Anna Santoro - di Lecce - segretaria Ivana Aramini - e di Bari - segretaria Mimma Palmisano, hanno convocato le tre assemblee provinciali CNR, in cui hanno partecipato portando il loro contributo, Gioacchino Carella, responsabile regionale della struttura di comparto ricerca e la coordinatrice nazionale del CNR Rosa Ruscitti.

Alle assemblee, molto partecipate da iscritti e non, si è discusso dei seguenti punti:

  1. Valutazione ANVUR
  2. Statuto dell'ENTE e riordino della rete scientifica.
  3. Pianta Organica – concorsi per precari e percorsi di carriera.
  4. Code contrattuali – Borse studio per figli – scatti di fascia, ecc.
  5. Elezioni RLS e ruolo delle RSU.
  6. Polizza Sanitaria.

Valutazione ANVUR
Rosa Ruscitti ha comunicato l'ottimo risultato raggiunto all'adesione a boicottare la compilazione delle schede ANVUR, sono stati oltre 700 ricercatori a farlo e nell'occasione è stata ribadita la tutela della FLC Nazionale su eventuali ripercussioni da parte di Direttori.
Tale lotta, portata avanti dalla sola CGIL, ha indotto il Presidente Nicolais ed il Ministro Profumo, a dichiarare che questa in atto è una “Valutazione sperimentale”.
A Lecce la ricercatrice ISAC - Cristina Mangia - rappresentante di DONNE e SCIENZA, ha fatto emergere la questione MATERNITA' e la discriminazione fatta rispetto alle colleghe inglesi dove ad una simile valutazione viene scalato tale periodo, la FLC condivide tale problematica e farà una comunicazione al Ministro e Presidente del Comitato ANVUR.

Statuto dell'ente e riordino della rete scientifica
Sono state rappresentate da Rosa Ruscitti e Carella, le problematiche del nuovo STATUTO sono:

  • La rappresentatività dei ricercatori CNR negli organi governativi dell'Ente (Consiglio di Amministrazione e Consiglio Scientifico).
  • Tetto della spesa del personale sul Bilancio dell'Ente, che non deve superare il 75%.
  • Assunzione a tempo determinato per un massimo di 10 anni a partire dal 1 maggio 2011.
  • Applicazione della “tenure track” solo per RICERCATORI, mentre il CCNL prevede la sua applicazione per tutto il personale inquadrato da Amministrativo – Tecnico – Tecnologo e ricercatore.
  • Ruolo e poteri accentrati nel Direttore Generale.

Pianta organica dell'ente
Sono stati illustrati, partendo dal vincolo del 75% del costo del personale sul Bilancio, i concorsi da bandire da subito per ricercatori e tecnici già approvati dalla Funzione Pubblica, i problemi sui concorsi da Amministrativi, che devono essere rimodulati nella Pianta Organica creando il livello di ingresso a Collaboratore Amministrativo.
L'Ente ha fatto richiesta alla F.P., di autorizzazione ad assumere sui posti a turn over da utilizzarsi al 20% per pensionamenti 2010/11, tale autorizzazione renderebbe possibile fare altri concorsi.
Per i concorsi interni a ricercatori e tecnologi (art. 15) si è in attesa del BANDO per le n. 219 posizioni retroattive da gennaio 2009, contestualmente è stato ribadito che tutte le progressioni di carriera proseguono come previsto dal CCNL anche se solo giuridiche e non economiche visto il blocco al 2014.
Inoltre si è sollecitato tutti i ricercatori/tecnologi coinvolti nell'automatismo dello “scatto di fascia”, di richiedere via mail: mirella.piellucci@cnr.it, il riscontro formale dello scatto.
Infine la Ruscitti ha informato che in questi mesi uscirà il bando biennale (arretrati) per le borse di studio ai figli.

Elezioni RLS e ruolo delle RSU
Carella ha chiarito una nota della Sede centrale, inviata a tutte le RSU elette nell'ENTE, in particolare ha richiamato quanto previsto dal Testo Unico sulla sicurezza n. 81/2008 e del D.Lgs. n.106/2009, chiarendo che del RLS (RAPPRESENTANTE DEI LAVORORATORI PER LA SICUREZZA), deve essere distinto dalla RSU e quindi ha sollecitato in tutte le assemblee ad eleggere o confermare i colleghi già eletti nelle precedenti elezioni RLS svolte UNITARIAMENTE in tutte le realtà del CNR nella Regione Puglia.
La RSU locale Marcella Narracci con tutti i colleghi, ha posto il problema edilizio di Taranto, dei relativi Fondi MIUR mai spesi e della manutenzione straordinaria sull'immobile storico di “A. Cerruti”, la situazione sicurezza è ormai improcrastinabile sia per la facciata dell'immobile (caduta di cornicioni), che per la messa in sicurezza di tutti i laboratori.
L'impegno della FLC Nazionale è stato preso a nome di Rosa Ruscitti che a breve, sentito l'ENTE, darà una risposta ai lavoratori della realtà tarantina.

Polizza sanitaria
Carella introduce l'argomento ribadendo la totale contrarietà dei colleghi della Puglia all'introduzione della Polizza Sanitaria, come già comunicato in altre occasioni - Assemblee - comitati degli iscritti - rappresentanti pugliesi nel coordinamento nazionale (Santino – Marangi) le ragioni sono sostanzialmente:

  1. Costi aggiuntivi per estensione polizza per coniuge e figli.
  2. Incentivo a favore della Sanità Privata ed a discapito della Pubblica.
  3. Eccessive franchigie sui tetti di spesa.
  4. Coinvolgimento “anomalo” dei colleghi CNR in pensione.
  5. Costo aggiuntivo per 1,2 milioni di euro per esternalizzare un servizio oggi gestito da dipendenti della sede (spending review ?).

L'assemblea ha quindi reiterato la propria posizione contraria, considerando che la totalità di richieste di sussidio dei colleghi sono relative a protesi dentarie e occhiali.
Rosa Ruscitti condivide alcuni punti di contrarietà sulla Polizza e dichiara che al tavolo di trattativa nazionale si farà carico di riportare tale ragioni di malessere.

Altre notizie da: