Elezioni RSU 2022, candidati con la FLC CGIL

Home » Notizie dalle Regioni » Sardegna » Oristano » Fiorenzo Mattu alla rassegna "Viaggio nel cinema sardo di ieri & di oggi"

Fiorenzo Mattu alla rassegna "Viaggio nel cinema sardo di ieri & di oggi"

La Scuola del Popolo di Oristano... ha sconfitto "Lucifero"

27/08/2021
Decrease text sizeIncrease  text size
L'attività del progetto "Non è mai troppo tardi", frutto della collaborazione tra l'Auser di Uras e la Scuola del Popolo di Oristano, ha proseguito nel mese di agosto la sua attività con la sola interruzione di alcuni giorni dovuta ai disagi provocati dal caldo torrido di "Lucifero". Sono così continuate le lezioni di informatica per gli anziani e le conferenze e dibattiti sul cinema sardo. Dopo la proiezione del film "Banditi ad Orgosolo" e "Per un pugno di terra" la rassegna si è arricchita di un nuovo appuntamento dedicato alla figura dell'attore Fiorenzo Mattu. Un excursus, con il contributo di brevi filmati e immagini, per ripercorrere la singolare carriera di un agrotecnico prestato al cinema. Dall'indimenticabile dittico diretto da Giovanni Columbu: "Arcipelaghi" e  "Su Re" con Mattu protagonista nei panni di un dolente Cristo sardo, fino ad analizzare gli ultimi lavori in cui è stato diretto da Gianfranco Cabiddu e Matteo Rovere con anticipazioni sui numerosi progetti in cantiere. I soci dell'Auser di Uras, coordinati da Antonello Cossu della Scuola del Popolo di Oristano, hanno interloquito e incalzato l'attore di Ovodda con domande e curiosità sulle varie esperienze di set. Alle attività della rassegna hanno partecipato sino a questo momento oltre 90 persone, a testimonianza di una felice intuizione il cui esito non era per niente scontato. Nonostante il caldo, anche i 30 corsisti iscritti al corso di informatica non hanno fatto registrare defezioni, Questa sperimentazione del progetto "non è mai troppo tardi" è estremamente preziosa e verrà utilizzata anche in altre realtà. Inoltre essa sta diventando oggetto di studio in un'ipotesi di corsi "ad aule aperte" grazie alla telematica, per rispondere ai bisogni di tantissime persone, altrimenti non raggiungibili per le attività della Scuola del Popolo.