Testo CCNL Istruzione e Ricerca

Home » Notizie dalle Regioni » Sicilia » Messina » Dimensionamento rete scolastica provincia di Messina 2019-2020, il lupo perde il pelo ma non il vizio

Dimensionamento rete scolastica provincia di Messina 2019-2020, il lupo perde il pelo ma non il vizio

Il Consiglio Scolastico Provinciale ha ripresentato le stesse proposte, ampiamente osteggiate dai genitori, alunni e personale scolastico l'anno precedente.

21/11/2018
Decrease text sizeIncrease  text size

A cura della FLC CGIL di Messina

Martedì 20 novembre 2018 si è svolta la riunione della Conferenza Provinciale di organizzazione per ridiscutere del piano di dimensionamento della rete scolastica del 2019-2020 approvata nella seduta del 12 ottobre 2018. La FLC CGIL di Messina aveva espresso serie perplessità riguardo le decisioni assunte con la delibera del 12 ottobre in quanto, così come avvenuto lo scorso anno, non teneva conto delle condizioni strutturali di alcune scuole e soprattutto non erano state prese in considerazione e rispettate la progettualità e le esigenze educative delle scuole, dei loro studenti e delle garanzie di stabilità dell'organico docente in funzione della continuità didattica.

Considerate le criticità emerse già l'anno scorso in fase di approvazione del piano di dimensionamento 2018-2019, ci si aspettava che il CSP (Consiglio Scolastico Provinciale), la cui legittimità in generale e di alcuni suoi componenti, in particolare, presidente in primis, è messa in discussione dal Dlgs 297/1994 che ne indica i requisiti, potesse avere un'attenzione maggiore verso quelle scuole della città e della provincia che avevano rappresentato le proprie legittime perplessità e contrarietà. Invece scopriamo, con molto stupore, che sono state ripresentate le stesse proposte, ampiamente osteggiate dai genitori, alunni e personale scolastico l'anno precedente. A questo punto sorgono spontanee due domande: "quali sono le finalità di alcuni componenti del CSP"? E questo organismo, proprio nel rispetto del suo ruolo di rappresentanza, tiene conto delle reali esigenze del territorio messinese?

Nell'incontro del 20 novembre u.s. la conferenza ha annullato le decisioni assunte con la delibera del 12 ottobre e rimanda tutto alla riunione 30 novembre p.v.

Le questioni più spinose riguardano: la sottrazione dell'indirizzo linguistico del Liceo "Seguenza" per aggregarlo al Liceo "Maurolico", l'accorpamento della scuola dell'infanzia plesso ex IAI dell'IC "Pascoli-Crispi" all'IC"Battisti-Foscolo", accorpamento dell'IC "Leopardi" all'IC "Giovanni XXIII", aggregazione degli IC di Capizzi e Cesarò e smembramento dell'IC "Paradiso" e conseguente accorpamento del plesso "Beata Eustochia" all'IC "Vittorini".

Il Seg. Gen. della FLC CGIL Messina Pietro Patti dichiara: "Spero che dall'incontro del 30 novembre non vengano fuori, per l'ennesima volta, proposte ispirate da personalismi e protagonismi di alcuni dei suoi componenti, ma pareri e suggerimenti ispirati a principi di ragionevolezza e di condivisione con le famiglie e le scuole interessate al dimensionamento. Non bisogna sottovalutare la forza dei cittadini e delle comunità.

Come FLC CGIL, auspichiamo che le decisioni assunte saranno dettate rispettando il lavoro faticoso svolto da docenti, personale ATA e DS congiuntamente alle famiglie per portare avanti le scuole e farle crescere sul territorio, senza considerare il fatto che l'operazione oggi evitata, che non esitiamo a definire miope e approssimativa, avrebbe delle serie ricadute occupazionali sul personale docente e ATA (elevato numero di perdenti posto), sulla continuità didattica e sulla qualità del servizio scolastico.".