Elezioni RSU 2022, candidati con la FLC CGIL

Home » Notizie dalle Regioni » Toscana » Arezzo » Docenti precari: Arezzo, convocazioni deserte perché già in servizio

Docenti precari: Arezzo, convocazioni deserte perché già in servizio

Risposta alle notizie riportate sulla stampa locale e nazionale in merito alle convocazioni su sostegno per le scuole della provincia Toscana.

07/10/2020
Decrease text sizeIncrease  text size
A cura del Comitato docenti precari Arezzo
Si legge su varie testate che in risposta a 400 convocazioni per supplenze da parte dell’USP di Arezzo si sono presentati solo 15 aspiranti in graduatoria. 
Negli stessi si dichiara che la convocazione è andata quasi deserta perché i docenti in graduatoria non si sono presentati a causa dell'emergenza sanitaria. Si fa presente che la graduatoria sostegno in oggetto non era specifica e precostituita, ma derivante dall'incrocio delle graduatorie delle diverse classi di concorso. Ne deriva che i 400 docenti convocati erano pressoché già tutti in servizio perché non avevano potuto rinunciare all'incarico su materia in favore dell’incarico su sostegno.
Ne discende un’errata immagine dei docenti precari che appaiono come coloro che hanno disertato la convocazione quando in realtà non potevano presentarsi perché già in servizio. 
L'errore è ricollegabile ad una gestione approssimativa dell’USP che ha modificato più volte le regole durante le convocazioni creando disparità di trattamento e di scelta tra i docenti anche per l’assenza di chiare direttive ministeriali.
I docenti precari hanno manifestato il loro disappunto più volte, con presidi e documenti scritti, per sottolineare all’USP le ripetute e molteplici problematiche relative alle convocazioni che oramai vanno avanti da quasi un mese.
Si fa presente che, invece di attaccare la professionalità dei docenti precari, l’attenzione mediatica si dovrebbe concentrare sull’elevato numero di cattedre ancora scoperte che costituisce un grave problema per la qualità didattica dei nostri studenti.
Concludiamo facendo presente che nonostante l’attuale emergenza sanitaria, i docenti precari si sono sempre presentati alle convocazioni e svolgono quotidianamente il loro lavoro per garantire il regolare svolgimento dell’anno scolastico.