Testo CCNL Istruzione e Ricerca

Home » Ricerca » CNR Comunicato sull'incontro di trattativa del 4 giugno 2002.

CNR Comunicato sull'incontro di trattativa del 4 giugno 2002.

Il giorno 4 u.s. si è tenuto un incontro per l’applicazione del CCNL artt. 53, 54 e 64 tra il Presidente ed il Direttore generale del CNR e le OO.SS.

06/06/2002
Decrease text sizeIncrease  text size

CGIL.SNUR
Sindacato Nazionale Università e Ricerca
Coordinamento Nazionale CNR

Prot. n. p304

Il giorno 4 u.s. si è tenuto un incontro per l’applicazione del CCNL artt.
53, 54 e 64 tra il Presidente ed il Direttore generale del CNR e le OO.SS.

Sugli artt. 53 e 54 si è raggiunta una intesa che può essere considerata
soddisfacente.

Le risorse economiche del 2%, messe a disposizione del contratto permettono
di effettuare le selezioni per l’attribuzione dei livelli superiori a tutti
gli aventi diritto "prioritariamente" ed a tutti coloro che sono in un
livello da 5 anni, se amministrativi, e da 6, se tecnici, se si tiene conto
dei concorsi interni già banditi dall’Ente.

L’entità del 2% permette di integrare il salario accessorio e da tale
integrazione può essere reperita la somma d’incremento per l’art. 53 allo
scopo di assicurare, sia a quanti sono nei livelli apicali da più di 10
anni, che a quanti vi erano da almeno 5 nel ’99, il gradone economico.

Il verbale della riunione e l’accordo sulla destinazione dei fondi che
dovremmo firmare nei prossimi giorni dovrebbero contenere le modalità in
base a cui espletare le verifiche con l’obiettivo di mettere in funzione
meccanismi semplici, certi e quindi il più veloci possibili.

Per l’art. 64 le OO.SS., preso atto del numero di anomale permanenze e dell’
ammontare del 2% che il contratto mette a disposizione per gli avanzamenti
di carriera, hanno chiesto di far partire i concorsi riservati nel numero
massimo consentito dalle risorse economiche, cioè circa 600 senza alcuna
autorizzazione al riguardo, autorizzazione invece necessaria per il resto
dei concorsi previsti dal contratto che rientrano anche nel piano triennale
dell’Ente.

Ciò è possibile semplicemente modificando la distribuzione dei ricercatori e
tecnologi nei tre profili nell’ambito dell’organico, operazione questa che
può essere conseguita in piena autonomia dall’Ente.

Su questo importante aspetto non vi è al momento accordo da parte dell’Ente.

Il Coordinamento Nazionale CNR
Roma, 6 giugno 2002

Altre notizie da: