Iscriviti alla FLC CGIL

Home » Ricerca » CNR: deboli e ancora insufficienti le promesse dell’ente

CNR: deboli e ancora insufficienti le promesse dell’ente

La FLC CGIL considera le anticipazioni troppo generiche e non adeguate a dare opportunità significative per la valorizzazione del personale, in particolare per Ricercatori e Tecnologi. Risolta la querelle delle ferie maturate.

29/11/2019
Decrease text sizeIncrease  text size

Nelle more della predisposizione e deliberazione del PdF 2019/2021, il CNR ha presentato alle organizzazioni sindacali un’informativa sulle Linee Guida per il 2019/2021, di cui all’art. 9 del D. Lgs. 218/2016.

Oltre alle problematiche relative alle nuove assunzioni e al completamento della procedura di stabilizzazione, gli altri temi affrontati nel corso dell’incontro del 13 novembre hanno riguardato anticipazioni su quante risorse l’Amministrazione intende mettere in campo per la valorizzazione professionale del personale.

L’Amministrazione non ha presentato al tavolo nessun documento preliminare: si è limitata ad enunciare alcuni principi e ad anticipare una prima consistenza numerica ancora in via di elaborazione. La FLC CGIL considera le anticipazioni troppo generiche e ritiene se confermate, che siano assolutamente non adeguate a dare opportunità significative per la valorizzazione del personale, in particolare per Ricercatori e Tecnologi.

Progressioni di carriera per ricercatori e tecnologi

Scorrimento graduatorie bandi 367.XX

L’Ente, come deliberato il 27 maggio scorso, sta procedendo con gli scorrimenti delle graduatorie relative ai Bandi 367.XX per Dirigenti di Ricerca e 1° Ricercatore. Ad oggi, utilizzando il budget previsto per ognuno dei 50 Bandi complessivi, e considerando anche il budget aggiuntivo, pari al costo di una unità di personale per ogni graduatoria, si stima che potranno essere utilizzate le posizioni per circa 214 idonei 1° Ricercatore e 175 Dirigenti di Ricerca. L’esito del primo utilizzo delle graduatorie è quasi completato, l’ulteriore scorrimento di idonei dovrebbe essere realizzato, con l’adozione del provvedimento mirato a finalizzare la presa di servizio degli idonei, entro dicembre 2019. Ciò farà sì che, se non tutte, la maggior parte delle graduatorie dei Bandi 367.XX saranno completamente utilizzate. Restano ancora da definire, i criteri sull’utilizzo delle eventuali risorse residue di cui dovranno ricevere informativa preventiva i sindacati.

Ferie e utilizzo ore in eccesso

I R&T non subiranno nessun azzeramento delle ferie e delle ore in eccesso nei passaggi di livello, anche a seguito di concorsi pubblici. Al tavolo di confronto con l’Amministrazione, la FLC CGIL aveva più volte sollevato la problematica, peraltro connessa anche alla continuità dell’anzianità ai fini della maturazione del TFS. L’Amministrazione si era impegnata, al tavolo di confronto con i sindacati, affinché al personale interessato fossero conservate le ferie e le ore lavorate in eccesso, ha confermato, quindi formalmente che le ferie e le ore lavorate in eccesso potranno essere conservate.  Non è comprensibile in tal senso la diffusione di voci allarmate provenienti da ambiti esterni agli incontri. La FLC CGIL non ritiene di dover commentare azioni volte mettersi in mostra e far aumentare inutilmente l’entropia nell’Ente.

Progressioni di livello per R&T ex art. 15 ccnl 2002/05

La FLC CGIL ha accolto positivamente la decisione dell’Ente di destinare nel PdF 2019/21 risorse per l’applicazione dell’art. 15 del CCNL 2002/05. Tuttavia, stante l’orientamento dell’Amministrazione di prevedere uno stanziamento non particolarmente significativo e considerato che l’ultima applicazione dell’art.15 risale al 2010, nonostante il CCNL ne prevedesse una cadenza biennale, la FLC CGIL valuta che le risorse preventivate siano assolutamente insufficienti. La FLC CGIL ha sottolineato che a causa del combinato disposto tra ritardi dell’Amministrazione e blocco delle progressioni di livello tramite procedure interne, ai R&T del CNR, per 10 anni, non è stato riconosciuto il diritto ad avere una legittima progressione di carriera.

La FLC CGIL ha pertanto, sollecitato con forza l’Amministrazione a destinare maggiori risorse per la valorizzazione professionale di R&T.  Inoltre è ben consapevole che senza una necessaria e profonda revisione della norma contrattuale la valorizzazione professionale di molti R&T dell’Ente rischia di rimanere un diritto negato, la FLC CGIL è impegnata ai tavoli aperti all’ARAN, nella Commissione paritetica sui sistemi di classificazione del personale del settore Ricerca, prevista dall’art.69 del CCNL.

Superamento del sottoinquadramento

L’Amministrazione ha confermato la volontà di prevedere nel PdF 2019/21 l’applicazione dell’art.22 c.15 del D.Lgs 75/17, per il superamento del sottoinquadramento. Nel PdF saranno quindi previste posizioni per ricercatori, tecnologi, FA e CTER. La norma prevede che siano realizzati bandi di concorso, fino al 20% dei bandi liberi emessi nel triennio 2018/2020, riservati al personale in possesso di requisiti per accedere ad un livello/profilo superiore. L’Amministrazione ha confermato che saranno approntate procedure semplificate solo per titoli e colloquio. La FLC CGIL ha chiesto di programmare al più presto un incontro dedicato al fine di definire i criteri per la ripartizione per area strategica - dipartimento - SAC che tenga conto della dimensione del problema per una sua concreta risoluzione.   

Progressioni di carriera per tecnici e amministrativi

Progressioni di livello per t&a - livelli iv-viii (ex art. 54 ccnl 1998/01)

Nel PdF sarà previsto uno stanziamento specifico che tenga conto delle risorse utilizzate e la necessità di costituire un apposito Fondo ai sensi dell’art. 90 del CCNL 2016/18. A breve sarà avviato il confronto per la definizione dei criteri che, ovviamente, dovranno tener conto di quanto previsto nell’art. 54 del CCNL 98/01 ancora vigente.

Progressioni economiche nel livello per t&a (ex art. 53 ccnl 1998/01)

L’Amministrazione ha confermato che le commissioni esaminatrici per l’attribuzione di complessive 700 posizioni per progressioni economiche di cui all’art. 53, nominate per l’esame delle domande presentate dal personale interessato stanno lavorando con impegno. I lavori, per alcune commissioni, stanno volgendo al termine, auspichiamo che tutte le commissioni completino l’esame dei curricula in tempo utile al fine di pubblicare le graduatorie entro dicembre 2019. Solo rispettando la tempistica i 700 vincitori potranno avere il gradone economico con la decorrenza al 1 gennaio 2019.

Passaggi di profilo a parita’ di livello per t&a (ex art. 52 ccnl 1998/01)

Finalmente, dopo numerose sollecitazioni sia formali sia informali della FLC CGIL, l’Amministrazione ha accolto la richiesta ed emanerà a breve l’avviso per l’avvio della procedura per il passaggio di profilo a parità di livello per T&A di cui all’art. 52 del CCNL 1998/01. Con soddisfazione abbiamo appreso che l’Amministrazione intende applicare correttamente l’enunciato dell’art. 52 del CCNL 1998/01, fermo restando il possesso del titolo di studio richiesto per il nuovo profilo, contrariamente a quanto fatto nell’ultima applicazione, risalente al 2014, in cui aveva voluto applicare tale istituto contrattuale, in maniera totalmente restrittiva rispetto ai requisiti maturati.