Iscriviti alla FLC CGIL

Home » Ricerca » Contratto Ricerca

Contratto Ricerca

Nuova bozza dell'Aran per il CCNL ricerca 2002/2005

10/11/2005
Decrease text sizeIncrease  text size

Si è tenuta ieri la prevista riunione di trattativa sul rinnovo del contratto della Ricerca. Nel corso dell’incontro la delegazione dell’Aran ha consegnato alle OO.SS. una nuova bozza di lavoro del contratto, nel quale sono state tradotte in testo scritto le anticipazioni che erano state fornite nella riunione del 4/11 u.s., a seguito dell’incontro fra Aran e Comitato di settore.

L’articolato, che ancora manca di parti importanti come quella sul precariato, finalmente tocca le questioni sulle quali sinora si è arenata la trattativa. Nel merito è confermata la volontà di svincolare la programmazione degli accessi dall’esterno dagli sviluppi di carriera per ricercatori e tecnologi, la riduzione degli anni necessari per i passaggi di livello dei tecnici e degli amministrativi, il conglobamento della IIS nella paga base e i criteri con cui fare le tabelle d’equiparazione per i lavoratori provenienti da altri comparti. Restano ancora molte questioni da chiarire, prima fra tutti i meccanismi per rendere esigibili gli avanzamenti di carriera dei ricercatori e tecnologi, nonché i passaggi di livello per il resto del personale, sia in termini di numerosità che di risorse da mettere a disposizione. Restano molti punti da correggere ed emendare perché inadeguati o insoddisfacenti. Bisognerà inoltre affrontare il tema delle relazioni sindacali, nonché, come detto, quello del precariato.

Dal punto di vista economico, sono state confermate le masse salariali di riferimento per il primo biennio economico, 5,66%, con le quali si dovrà coprire il conglobamento della IIS, nonché gli incrementi del salario accessorio.

Nel complesso si tratta di un documento corposo, che tocca molti istituti contrattuali e che sarà oggetto di un’attenta disamina da parte di questa O.S..

Sembra che si stia per entrare nel vivo del negoziato: per questo deve essere mantenuto lo stato di agitazione del comparto e la mobilitazione dei lavoratori, per influenzare la trattativa e verificarne lo stato di avanzamento.

Roma, 10 novembre 2005