Iscriviti alla FLC CGIL

Home » Ricerca » CRA: continuano a sussistere gravi difficoltà finanziarie di bilancio

CRA: continuano a sussistere gravi difficoltà finanziarie di bilancio

I sindacati sollecitano un incontro al Mipaaf. Non possono pagare i lavoratori delle inefficienze delle gestioni che nel tempo si sono susseguite.

23/10/2013
Decrease text sizeIncrease  text size

Il 14 ottobre 2013 si è svolta la riunione tra i sindacati e l’amministrazione alla presenza del Direttore Generale e di altri funzionari del CRA. La riunione era stata convocata su una serie di punti trattati in maniera approfondita nel comunicato allegato:

  1. Piano triennale fabbisogno del personale 2012-2014 bozza
  2. Consistenza Fondi accessorio personale I°-III° e IV°-VIII° annualità 2013
  3. Fondo Sirio
  4. Sistemi di rilevazione presenze nelle strutture
  5. Procedure assunzioni personale a tempo determinato
  6. Artt. 52-53-54
  7. Art. 15 informativa
  8. Borse di studio ex-INRAN
  9. Informativa sui processi si di ristrutturazione della rete scientifica a seguito dell’accorpamento

Oggi, 23 ottobre, è stata inoltre inviata al Presidente del CRA Prof. Giuseppe Alonzo e al Direttore Generale Dr.ssa Ida Marandola, una lettera sulle procedure di inquadramento del personale ex-INRAN nei ruoli CRA. Unitariamente è stata inviata al Ministro delle Politiche agricole, alimentari e forestali, Dott.ssa Nunzia De Girolamo, una lettera in cui i sindacati richiedono un incontro urgente per discutere sulla situazione attuale e sulle prospettive del CRA.
_______________________

Al Presidente CRA Prof. Giuseppe Alonzo
alla Dr.ssa Ida Marandola Dir Gen. ff
Ai membri del CdA CRA
Ai membri del Collegio dei Revisori dei Conti CRA

Oggetto: procedure di inquadramento personale ex-INRAN nei ruoli CRA

In riferimento alla procedura in oggetto, con la sottoscrizione dei contratti individuali di prossima formalizzazione come anticipato per le vie brevi, la scrivente OS al fine di garantire il personale già CRA rispetto alla corretta operazione e di evitare distorsioni anche nei processi di
sviluppo professionale, intende richiamare l’attenzione dell’amministrazione su alcuni aspetti che hanno caratterizzato le modalità di inquadramento nei ruoli ex-INRAN del personale già INCA e di altro in mobilità ai sensi del art. 30 165/2001.

In particolare si sottolinea che al di là dei pareri delle amministrazioni vigilanti, in materia di Tabelle di Equiparazione la prevalenza delle previsioni contrattuali vigenti è stata ampiamente accertata, stabilendo che i contratti collettivi nazionali restano in vigore sino alla prevista scadenza e le norme di cui al D. Lgs. 150/2009 in oggetto si applicano alla tornata successiva a quella in corso. Di conseguenza anche la redazione delle tabelle di equiparazione è rimasta materia di contrattazione di secondo livello. Tuttavia, nonostante le reiterate richieste delle OO.SS. di attivare le procedure di cui art. 6 del CCNL, la contrattazione integrativa in materia non è stata mai attivata per una precisa scelta della amministrazione, determinando in alcuni casi una distorsione dei principi contrattuali e di legge, nonché un potenziale danno erariale.

In particolare rispetto al possesso dei requisiti culturali previsti dal CCNL per l’accesso ai profili professionali del Comparto Ricerca si ricorda che il CCNL nonché l’orientamento espresso dall’ARAN è molto chiaro in materia escludendo inquadramenti in un profilo professionale in assenza del relativo titolo di studio. La questione ampiamente nota al CRA fu anche oggetto di una specifica comunicazione ARAN protocollo CRA del 30/09/2008 n° 14817/3.3 impiegata nella procedura di applicazione delle tabelle di equiparazione di cui al 454/99 e CCNL Integrativo 4/10/2007.

Per effetto quindi delle disposizioni che prevedono l’accorpamento ritenendo che l’attuale amministrazione subentrando nelle attività e passività debba rispondere suo malgrado anche delle eventuali omissioni ed errori della precedente gestione si chiede una puntuale verifica degli atti propedeutici agli inquadramenti derivanti dall’accorpamento ex-INCA e da tutte le procedure di mobilità ai sensi del art. 30 165/2001 ed eventuale rideterminazione qualora in contrasto con le norme contrattuali e di legge con particolare riferimento al possesso del titolo di studio.

______________________


Alla Dott.ssa Nunzia De Girolamo
Ministro delle Politiche agricole, alimentari e forestali

Oggetto: richiesta incontro urgente

Onorevole Ministro,
le scriventi OO.SS sollecitano l’incontro richiesto il 16 maggio u.s. sulla situazione attuale e sulle prospettive del CRA, principale ente di ricerca nell'agroalimentare vigilato dal suo Dicastero. Confronto non più rinviabile alla luce delle gravi problematiche finanziarie di Bilancio in cui versa l’Istituto a seguito dell’operazione di accorpamento con ex-INRAN disposto dall’art. 12 della Legge 95/2012, nonché delle criticità presenti anche sui temi del precariato, della dotazione organica, dell’assetto degli organi di governo da troppo tempo interessati da processi di revisione e riorganizzazione della rete scientifica, e modifica dello Statuto.

Riteniamo fondamentale un Suo diretto intervento atto a garantire una linea complessiva d'azione e di rilancio dell’Ente a salvaguardia dell’attività istituzionale e delle professionalità esistenti.

In attesa di una sua imminente convocazione Le inviamo distinti saluti.

Il Segretario Generale FLC CGIL Domenico Pantaleo
Il Segretario Generale FIR CISL Giuseppe De Biase
Il Segretario Generale UIL RUA Alberto Civica

Altre notizie da: