Iscriviti alla FLC CGIL

Home » Ricerca » Finalmente sottoscritta l'ipotesi di CCNI 2018 dell'Istituto Superiore di Sanità

Finalmente sottoscritta l'ipotesi di CCNI 2018 dell'Istituto Superiore di Sanità

Tramontata la stagione degli accordi separati: si consolida il salario accessorio di tutto il personale con aumenti della IEM per i livelli IV-VIII e della IOS per i livelli I-III.

14/10/2019
Decrease text sizeIncrease  text size

L'8 ottobre 2019 è stata sottoscritta l'ipotesi del contratto integrativo dell'Istituto Superiore di Sanità. Si tratta di un fatto di grande importanza, perché definitivamente manda in soffitta la fase degli accordi separati che ha caratterizzato la gran parte della gestione Ricciardi-Del Favero che, anche per questo, abbiamo sempre giudicato poco attenta al senso di comunità dell'ISS. Per tale ragione esprimiamo apprezzamento per il cambio di comportamento dell'Amministrazione durante tutta la trattativa per il CCNI 2018.

Ma torniamo al contratto. Esso prevede l'importante stabilizzazione di una quota significativa del Fondo per il salario accessorio del personale dei livelli IV-VIII attraverso l'aumento medio di 10% dell'Indennità di Ente Mensile, secondo la seguente tabella.

IEM nuovo importo lordo annuale

IV  804,33
V   737,91
VI  672,49
VII  611,14
VIII 563,48

Per i livelli I-III, grazie alle osservazioni della FLC CGIL, è stato possibile recuperare nel fondo accessorio quanto impropriamente utilizzato per l'art. 22 dpr 171/91, determinando un aumento dell'Indennità Oneri Specifici:

IOS nuovi importi lordi annuali

I    1800
II   1750
III  1600

Siccome tali aumenti sono a partire dal 1° gennaio 2018, il personale tutto riceverà i relativi arretrati: per i livelli IV-VIII si va da circa 1680 (IV) a 1.170 (VIII) con una media di circa 1.400 euro, mentre per i livelli III-I da circa 1.560 a 1.700 con una media di 1.600 euro.

Per evitare la bocciatura del Ministero della Funzione Pubblica (che sta rinviando l'esame dei contratti integrativi in tutti gli Enti Pubblici di Ricerca), il nostro CCNI prevede una quota del salario accessorio (quella variabile del Fondo accessorio e relativa alla quota di incremento prevista nel 2015) differenziata sulla base di una procedura che tiene conto dei risultati dei Dipartimenti e Centri dell'Istituto ("performance" organizzativa).  Il tavolo di contrattazione ha condiviso la previsione di rivedere questo meccanismo nel dettaglio a partire dal 2020.

Nei prossimi giorni convocheremo l'assemblea del personale per illustrare tutti gli aspetti del CCNI 2018 e per avviare la discussione sugli aspetti che dovranno caratterizzare la piattaforma per il rinnovo degli anni 2019 e 2020.

La FLC CGIL esprime la piena soddisfazione per il raggiungimento di questo risultato che consolida le parti fisse del salario accessorio di tutto il Personale recependo pienamente quanto contenuto nella piattaforma unitaria di FLC CGIL, CISL FSUR e UIL Scuola RUA.

Questo risultato ricuce definitivamente lo strappo operato nel lontano dicembre 2015 e ha consentito la ricomposizione del tavolo sindacale su nuove basi programmatiche.

Altre notizie da: