Elezioni RSU 2022, candidati con la FLC CGIL

Home » Ricerca » INVALSI: nominato il nuovo presidente, è Anna Maria Ajello

INVALSI: nominato il nuovo presidente, è Anna Maria Ajello

Conclusa la procedura per l'individuazione del nuovo presidente dell'Istituto nazionale per la valutazione del sistema educativo di istruzione e di formazione.

07/02/2014
Decrease text sizeIncrease  text size

A seguito dell’emanazione dell’avviso pubblico per le candidature alla Presidenza dell’INVALSI, predisposto dall’apposito Comitato di selezione presieduto da Tullio De Mauro, si è arrivati alla individuazione di una rosa di quattro candidati fra i quali il Ministro Carrozza ha scelto il nuovo presidente, come previsto dalla normativa vigente.

Si tratta di Anna Maria Ajello, professore ordinario presso la Facoltà di Medicina e Psicologia dell’Università “La Sapienza” di Roma. Si conclude così l’iter avviato a seguito delle dimissioni di Sestito.

Questa nomina interrompe il dominio incontrastato che negli ultimi anni, con la presidenza Cipollone e Sestito, hanno avuto gli economisti di Bankitalia sull’Istituto di valutazione del sistema scolastico. Come avevamo auspicato, si è scelto invece questa volta una personalità di alto profilo scientifico, proveniente dal mondo universitario, che può dare maggiore qualità al sistema di valutazione, per superare la visione eccessivamente econometrica che si è avuta con le passate gestioni.

Ausichiamo che con questa nomina l’INVALSI possa finalmente trovare la stabilità di cui ha bisogno e che la presidenza Ajello sappia dargli un assetto organizzativo più solido, in grado di superare il grave problema della precarietà, rafforzato sotto il profilo dell’autonomia scientifica e in grado di dialogare, su un tema tanto delicato com’è quello della valutazione, con il mondo della scuola, a partire dai docenti. La valutazione non può essere usata come una clava contro la scuola e il corpo docente, o per giustificare nuovi ulteriori tagli dopo quelli pesantissimi subiti negli ultimi anni. L’INVALSI e la valutazione devono servire a migliorare il sistema scolastico italiano, non a fare inutili graduatorie!

Altre notizie da: