Iscriviti alla FLC CGIL

Home » Ricerca » ISPESL: uscire dall'emergenza per rilanciare l'Istituto

ISPESL: uscire dall'emergenza per rilanciare l'Istituto

No alla sottrazione di competenze attraverso la modifica al T.U. 81/08, basta con il commissariamento! Domenico Pantaleo, Segretario generale della FLC Cgil, scrive al Governo, alle Commissioni parlamentari di Camera e Senato, alle commissioni lavoro, alla commissione d'inchiesta sulle "morti bianche".

24/04/2009
Decrease text sizeIncrease  text size

Il Segretario Generale, con una lettera indirizzata al Presidente del Consiglio, al ministro del Welfare e ai ministri del Tesoro e della Pubblica Amministrazione, chiede al governo di salvaguardare le competenze dell'Ente e di rilanciarne le funzioni intervenendo per quanto di competenza sugli assetti istituzionali. Infatti, attraverso la revisione al T.U sulla sicurezza (D.lgs 81/08), in discussione in questi giorni, si sottraggono competenze all'Ispesl in materia di verifiche periodiche sulla sicurezza degli impianti, apparecchi e dispositivi industriali, per delegarle ai privati. Dal punto di vista degli assetti istituzionali, inoltre, da un anno l'Istituto è commissariato da un Commissario e un Sub Commissario e questa situazione non ha giovato alla funzionalità e all'efficienza dell'Ispesl. Anzi, nei fatti questo stato di cose ha indebolito la sua missione e rallentato la sua attività istituzionale.

Analoga lettera per è stata indirizzata anche alle commissioni Lavoro della Camera e del Senato, oltre che alla Commissione d'inchiesta sulle "morti bianche" del Senato.

Roma, 24 aprile 2009

Altre notizie da: