Contro la regionalizzazione del sistema di istruzione fima anche tu

Home » Ricerca » INGV: decreto per 200 assunzioni. Ora si può stabilizzare il “precariato storico”

INGV: decreto per 200 assunzioni. Ora si può stabilizzare il “precariato storico”

Dopo oltre otto anni finalmente al via il reclutamento nell'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia.

06/05/2014
Decrease text sizeIncrease  text size

Ricercatori, tecnologi e figure di supporto alla ricerca saranno assunti, come previsto dal decreto appena firmato dalla ministra Giannini, nell'arco del quinquennio 2014-2018 in scaglioni di 40 unità per anno. Questo piano di consolidamento del personale è il frutto di una lunghissima vertenza, che ha visto in prima fila i precari dell’INGV e la FLC CGIL e che si protraeva dalla finanziaria di Prodi, quando cioè non si era potuto procedere alle assunzioni dei precari storici per cronica carenza di posti nella dotazione organica.

È stata sostenuta una mobilitazione permanente per garantire il mantenimento in servizio in tutti questi anni (oltre 8), nonostante i precari abbiano garantito produzione scientifica e servizi di primaria importanza per la ricerca e per il Paese, come la sorveglianza sismica e vulcanica, e per superare gli ostacoli frapposti dai governi succedutisi nel tempo; si è dovuto intervenire sulla pianta organica e infine, con il DL 104/2013, poi trasformato in Legge 128/2013, per mettere la parola fine ad una vicenda complessa, che se non attuata avrebbe minato la stessa sorte dell’INGV, e dare corso alle legittime aspettative dei numerosi precari dell’Ente.

Il Piano serve a consolidare, attraverso gli strumenti di legge, il personale che si dedica ogni giorno all'attività di ricerca e sorveglianza sismica e vulcanica del paese. Sarà l'INGV stesso ora a procedere alle assunzioni attraverso apposite procedure di reclutamento.

Esprimiamo la nostra soddisfazione per il risultato ottenuto su questa specifica vicenda e confermiamo la nostra linea di sostegno alle lotte contro la precarietà e per la stabilizzazione dei precari.

Altre notizie da: