Iscriviti alla FLC CGIL

Home » Ricerca » Precari » CNR: restano forti le preoccupazioni sul proseguimento della procedura di stabilizzazione

CNR: restano forti le preoccupazioni sul proseguimento della procedura di stabilizzazione

La nota unitaria di FLC CGIL, FIR CISL e UIL SCUOLA RUA a seguito dell'incontro con il viceministro Fioramonti.

12/04/2019
Decrease text sizeIncrease  text size

A cura di FLC CGIL, FIR CISL e UIL SCUOLA RUA

Il 9 aprile la FLC CGIL, FIR CISL e UIL SCUOLA RUA hanno incontrato, presso il MIUR, il viceministro Lorenzo Fioramonti.

Le organizzazioni sindacali hanno rappresentato al Viceministro la forte criticità in cui versa il processo di stabilizzazione del personale precario in possesso dei requisiti di cui al C.1 (200 unità) e C.2 (700 precari) dell’art. 20 del DLgs 75/17.

A fronte delle affermazioni pubbliche rese, anche di recente, dal Presidente Inguscio, non si è registrata, né da parte del resto del CdA del CNR, l’assunzione di atti concreti volti al completamento delle procedure di stabilizzazione entro il 2020, come previsto dal Decreto. I generici impegni assunti dal Presidente in più occasioni, in particolare in assemblee pubbliche del personale o alla presenza di esponenti politici non hanno avuto alcun seguito, anzi …

La dirigenza dell’Ente, infatti, ha ribadito nel corso di incontri “Tecnici” con i sindacati, di voler procedere per il 2019 “solo” all’assunzione di 104 idonei dalle graduatorie dei bandi C.2 entro giugno e altri 104 entro settembre p.v. a fonte di circa 850 precari risultati idonei e nessuna assunzione dei 200 comma 1 e nessuna programmazione per il 2020.

Le organizzazioni sindacali, inoltre, hanno rappresentato con forza al Viceministro il disinteresse dell’Ente ad applicare al personale di ruolo gli strumenti contrattuali che riconoscono la professionalità, a effettuare scorrimenti di idonei e a stabilizzare i restanti precari in possesso dei requisiti comma 1.

Hanno anche richiamato l’attenzione sulla criticità della gestione finanziaria dell’intero percorso di stabilizzazione: il CNR ha cofinanziato il budget per le stabilizzazioni attingendo ai fondi premiali anziché a fondi FOE lasciando inutilizzati circa 14 milioni degli ex premiali. Inaccettabile!

Le organizzazioni sindacali hanno invitato il ministero a vigilare sul CNR, al fine di sollecitare l'amministrazione ad una interpretazione corretta di tutte le norme correlate al completamento delle stabilizzazioni, con particolare riferimento all’utilizzo delle graduatorie ancora vigenti e chiesto con forza un incremento del FOE.

Il viceministro si è impegnato a contattare nuovamente, ed a breve, il Presidente per un nuovo incontro, affinché si chiarisca la questione finanziaria e la gestione del processo di stabilizzazione. Inoltre ha sottolineato che sta impegnandosi nel trovare maggiori finanziamenti, 1 mld, per la ricerca pubblica e l’Università.

Altre notizie da: