Testo CCNL Istruzione e Ricerca

Home » Ricerca » Precari » CREA: incomprensibile intoppo sulle stabilizzazioni

CREA: incomprensibile intoppo sulle stabilizzazioni

Nota unitaria al Presidente del CREA, Salvatore Parlato.

15/05/2018
Decrease text sizeIncrease  text size

A seguito della pubblicazione dei criteri per le stabilizzazioni da attuare al CREA, come risultato del confronto avuto anche con le organizzazioni sindacali in data il 26 aprile 2018, si è reso palese come sia stato disatteso uno dei punti convenuti con i sindacati e cioè che le stabilizzazioni avrebbero dovuto riguardare anche gli "operai agricoli" con contratto a tempo determinato in servizio presso il Crea e in possesso dei requisiti previsti dal DLgs 75/2017.  

La FLC CGIL, FIR Cisl e la Federazione Uil Scuola Rua nel protestare per l'esclusione degli "operai agricoli" dalle procedure di stabilizzazione, hanno inoltrato una nota unitaria e urgente al Presidente del Crea Parlato, per chiedere la rettifica immediata dei criteri così come pubblicati e di includere gli "operai agricoli" nelle procedure di stabilizzazioni. 

____________________________

Roma 11 maggio 2018

Al Presidente
Dott. Salvatore Parlato
Al Direttore Generale f.f.
Dott.ssa Ida Marandola
CREA

Oggetto: criteri stabilizzazioni

Le scriventi OO.SS. in merito ai criteri definiti per le procedure di stabilizzazione del Personale precario del CREA inoltrati in data 9 maggio, e quindi con forte ritardo rispetto alla riunione, sono costrette a constatare che è stato disatteso quanto convenuto in sede di incontro in merito alla partecipazione alla suddetta procedura degli operai agricoli.

Fermo restando che, sulla base delle indicazioni avute, le scriventi avevano dato puntuale informazione al Personale creando peraltro legittime aspettative che rischiano di essere disattese, le scriventi ribadiscono quanto asserito al tavolo di trattativa anche in considerazione del rischio che l’esclusione del suddetto Personale potrebbe ingenerare una contestazione legale, con forti ricadute negative su tutta la procedura.

Le scriventi OO.SS. chiedono pertanto di rivedere i criteri proposti prevedendo la partecipazione anche degli operai agricoli alle procedure di stabilizzazione in quanto possessori di contratto di lavoro a tempo determinato come tutti gli altri precari con tipologie di lavoro flessibile.

Nel rimanere in attesa di riscontro si porgono cordiali saluti.

FLC CGIL -  FIR CISL - UIL SCUOLA RUA

Altre notizie da: