Testo CCNL Istruzione e Ricerca

Home » Ricerca » Stabilizzazione precari: al CNR incontro tra amministrazione e sindacati

Stabilizzazione precari: al CNR incontro tra amministrazione e sindacati

Resoconto della discussione tenutasi il 29 maggio.

01/06/2018
Decrease text sizeIncrease  text size

Il 29 maggio 2018 si è tenuto il quarto incontro tra l’Amministrazione e le organizzzazioni sindacali per l’adozione dell’atto interno inerente l’applicazione dell’art. 20 del DLgs 75/17.

L’incontro è stato positivo, soprattutto perché abbiamo potuto registrare l’impegno significativo ed importante del Presidente e dell’Amministrazione tutta nel dare risposta a tutti i precari aventi diritto.

Entro il 2018 l’Ente si impegna infatti a stabilizzare tutti coloro che hanno i requisiti previsti dal comma 1, ivi compresi coloro i quali hanno maturato il requisito previsto dalla legge con un’anzianità maturata anche con contratti flessibili. La stabilizzazione, entro il 2018, vedrà quindi coinvolti circa 1.200 precari anziché 725.

Il Presidente ha ribadito, anche in questa occasione, l’impegno a far partire il prima possibile le procedure concorsuali riservate per gli aventi diritto di cui al comma 2 dell’art. 20 del DLgs 75/17, al fine di formare le relative graduatorie, utilizzabili mediante scorrimento in step successivi con la copertura finanziaria che si renderà possibile in relazione ai finanziamenti previsti in favore del CNR e dei quali si terrà conto nella redazione del Piano Triennale di Fabbisogno del personale 2018 -2020. E’ previsto entro dicembre 2018, un primo gruppo di circa 100-200 assunzioni a tale titolo.
Il Presidente ha sottolineato inoltre che esaurendo i comma 1 entro il 2018 dal primo gennaio 2019 la priorità sarà l’assunzione dei precari con i requisiti del comma 2 mediante lo scorrimento delle graduatorie, dichiarando inoltre che intende concludere il processo di stabilizzazione entro la fine del suo mandato (dicembre 2019) come suo impegno nel valorizzare il personale che opera, o ha operato, nell’Ente da anni.
Il Presidente inoltre ha riaffermato il suo impegno a ottenere maggiori risorse finanziarie, e su questo ha invitato a sostenerlo ognuno con il proprio ruolo.

Rispetto a quanto concordato, restiamo in attesa vigile della deliberazione del CDA che darà avvio formale alle procedure di stabilizzazione con i criteri individuati, la stesura definitiva delle liste presentate, ancora emendabili per eventuali errori materiali, e la redazione dei bandi riservati nelle quantità più ampie possibili.

Altre notizie da: