Elezioni RSU 2022, candidati con la FLC CGIL

Home » Ricerca » Stabilizzazioni e assunzioni negli enti di ricerca: il Segretario Generale della FLC Cgil scrive al Ministro Nicolais

Stabilizzazioni e assunzioni negli enti di ricerca: il Segretario Generale della FLC Cgil scrive al Ministro Nicolais

Inaccettabile il ritardo della funzione pubblica

14/04/2008
Decrease text sizeIncrease  text size

Il dipartimento della funzione pubblica continua a produrre pareri contraddittori sulle più disparate materie tralasciando le priorità. Particolarmente urgente è l’autorizzazione ad assumere prevista dal decreto milleproroghe che, da procedura formale, rischia di trasformasi in un nuovo blocco delle assunzioni per gli enti pubblici di ricerca. Questo problema era già stato posto al dipartimento della funzione pubblica in occasione del recente presidio manifestazione.

Di seguito la lettera del Segretario Generale della FLC al Ministro Nicolais per sollecitare l’adozione dei necessari provvedimenti.

Roma, 14 aprile 2008

Dott. Luigi Nicolais
Ministro per le Riforme e le
Innovazioni nella P.A.

Dott. Alberto Stancanelli
Capo di Gabinetto
Ministero per le Riforme e le
Innovazioni nella P.A.

Gentile Ministro,

come Le è noto, a fronte di unadisposizione contenuta nel “Decreto milleproroghe”, a Lei compete la responsabilità di autorizzare i singoli Enti di Ricerca a procedere con stabilizzazioni e assunzioni.

Si tratta di una procedura formale, in quanto le risorse disponibili sono già individuate dalle Leggi Finanziarie 2007 e 2008, ma che, in presenza dell’incomprensibile ritardo accumulato dai suoi uffici, si sta trasformando – di fatto - in un blocco delle assunzioni.

Ancora recentemente, in occasione di un presidio-manifestazione nei giorni scorsi, abbiamo sollecitato il Dipartimento della Funzione Pubblica ad adottare con urgenza i necessari provvedimenti ma, a parte le rassicurazioni, nulla è stato fatto.

Nel frattempo gli uffici continuano a produrre pareri agli Enti di Ricerca contenenti interpretazioni restrittive delle norme sulla stabilizzazione, mai oggetto né di confronto con il sindacato né di informativa, con l’evidente effetto non solo di alimentare tensione ma di produrre ulteriore contenzioso.

Considerato questo stato delle cose e la pesante situazione del precariato negli Enti di Ricerca, Le chiedo di voler emanare il provvedimento autorizzatorio con la massima celerità e di convocare una riunione formale nella quale i responsabili del Dipartimento e le Organizzazioni sindacali possano confrontarsi in merito a tutte le questioni aperte.

Distinti saluti

Enrico Panini